Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Trattamento acuto con Omecamtiv Mecarbil per aumentare la contrattilità nello scompenso cardiaco acuto


Omecamtiv mecarbil è un attivatore selettivo della miosina cardiaca che aumenta la funzione miocardica nei volontari sani e nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica.

Lo studio ATOMIC AHF ha valutato la farmacocinetica, la farmacodinamica, la tollerabilità, la sicurezza e l'efficacia di Omecamtiv mecarbil nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta.

I pazienti ricoverati per insufficienza cardiaca acuta con frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore o uguale al 40%, dispnea, ed elevate concentrazioni plasmatiche di peptidi natriuretici sono stati randomizzati a ricevere in doppio-cieco 48 ore di infusione endovenosa di placebo o di Omecamtiv mecarbil in 3 coorti di incremento graduale del dosaggio.

Su 606 pazienti, Omecamtiv mecarbil non ha migliorato l'endpoint primario di sollievo dalla dispnea ( 3 gruppi di dosaggio di Omecamtiv mecarbil e placebo [ dati aggregati ]: placebo, 41%; Omecamtiv mecarbil coorte 1, 42%; coorte 2, 47%; coorte 3, 51%; P=0.33 ) oppure uno qualsiasi dei risultati secondari studiati.

Nelle analisi pre-specificate supplementari, Omecamtiv mecarbil ha prodotto un maggiore sollievo dalla dispnea a 48 ore ( placebo, 37% vs Omecamtiv mecarbil, 51%; P=0.034 ) e a 5 giorni ( P=0.038 ) nella coorte ad alte dosi.

Omecamtiv mecarbil è risultato associato ad aumenti correlati alla concentrazione plasmatica del tempo di eiezione sistolica ventricolare sinistra ( P minore di 0.0001 ) e a diminuzioni della dimensione telesistolica ( P minore di 0.05 ).

Il profilo degli eventi avversi e la tollerabilità di Omecamtiv mecarbil erano simili a quelli del placebo, senza aumenti delle tachiaritmie ventricolari o sopraventricolari.

Le concentrazioni plasmatiche di troponina sono state più elevate nei pazienti trattati con Omecamtiv mecarbil rispetto al placebo ( differenza media a 48 ore, 0.004 ng/ml ), ma senza alcuna relazione evidente con la concentrazione di Omecamtiv mecarbil ( P=0.95 ).

In conclusione, nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta, Omecamtiv mecarbil per via endovenosa non ha soddisfatto l'endpoint primario di miglioramento della dispnea, ma è stato generalmente ben tollerato, ha aumentato il tempo di eiezione sistolica, e, ad alti dosaggi, può migliorare la dispnea. ( Xagena2016 )

Teerlink JR et al, J Am Coll Cardiol 2016; 67: 1444-1455

Cardio2016 Farma2016


Indietro