Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Terapia di resincronizzazione cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca meno sintomatica


La terapia di resincronizzazione cardiaca riduce la morbilità e la mortalità nei pazienti con sintomi di scompenso cardiaco avanzato.

Una meta-analisi ha valutato i benefici e i rischi della terapia di resincronizzazione cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca avanzata e in quelli con malattia meno sintomatica.

Sono stati selezionati studi randomizzati e controllati ( 1950-2010 ) sulla terapia di resincronizzazione cardiaca confrontata con il trattamento convenzionale o stimolazione ventricolare destra o sinistra in pazienti adulti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ventricolare sinistra pari a 0.40 o inferiore.

In totale sono stati selezionati 25 studi che hanno coinvolto 9.082 pazienti. Nei pazienti con sintomi di classe NYHA I e II ( New York Heart Association ).

La terapia di resincronizzazione cardiaca ha ridotto la mortalità per tutte le cause ( 6 studi, 4.572 partecipanti; risk ratio, RR=0.83 ) e i ricoveri per scompenso cardiaco ( 4 studi, 4.349 partecipanti; RR=0.71 ), senza migliorare gli esiti funzionali o la qualità di vita.

Nei pazienti con sintomi di classe NYHA III o IV, la terapia di resincronizzazione cardiaca ha migliorato gli esiti funzionali e ha ridotto sia la mortalità per tutte le cause ( 19 studi, 4.510 partecipanti; RR=0.78 ) sia i ricoveri per scompenso cardiaco ( 11 studi, 2.663 partecipanti; RR=0.65 ).

Il tasso di successo dell'impianto è stato del 94.4%; si sono verificati decessi peri-impianto nello 0.3% dei partecipanti nel corso della sperimentazione, complicanze meccaniche nel 3.2%, problemi di conduzione nel 6.2% e infezioni nell’1.4%.

I limiti dello studio erano rappresentati dalle analisi dei sottogruppi depotenziate e dalla mancanza di dati per le persone con sintomi di classe NYHA I, fibrillazione atriale, malattia renale cronica, o blocco di branca destra.

In conclusione, la terapia di resincronizzazione cardiaca fornisce benefici ai pazienti con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ), sintomi di insufficienza cardiaca e QRS prolungato, a prescindere dalla classe NYHA. ( Xagena2011 )

Al-Majed N et al, Ann Intern Med 2011; 154: 401-412


Cardio2011



Indietro