Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva rispetto a quella convenzionale nei pazienti con insufficienza cardiaca: studio AdaptResponse


L'ottimizzazione automatica continua della terapia di resincronizzazione cardiaca ( CRT ), stimolando solo il ventricolo sinistro a fondersi con la conduzione intrinseca del fascio destro ( stimolazione ventricolare sinistra sincronizzata ), potrebbe offrire esiti migliori rispetto alla terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale nei pazienti con insufficienza cardiaca, blocco di branca sinistra e normale conduzione atrioventricolare.

Sono stati confrontati gli esiti clinici della terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva rispetto alla terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale nei pazienti con insufficienza cardiaca con conduzione atrioventricolare intatta e blocco di branca sinistra.

Questo studio globale, prospettico, randomizzato e controllato è stato condotto in 227 ospedali in 27 Paesi in Asia, Australia, Europa e Nord America.

I pazienti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 18 anni con insufficienza cardiaca di classe 2-4, una frazione di eiezione pari o inferiore al 35%, blocco di branca sinistra con durata QRS pari o superiore a 140 ms ( pazienti di sesso maschile ) o pari o superiore a 130 ms ( pazienti di sesso femminile ) e un intervallo PR basale pari o inferiore a 200 ms.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva ( un algoritmo che fornisce la stimolazione ventricolare sinistra sincronizzata ) o alla terapia di resincronizzazione cardiaca biventricolare convenzionale utilizzando un programmatore del dispositivo.

Tutti i pazienti hanno ricevuto la programmazione del dispositivo ma sono rimasti in cieco fino al completamento delle procedure.
Il personale del sito conosceva l'assegnazione del gruppo.

L'esito primario era un composito di morte per tutte le cause o intervento per insufficienza cardiaca ed è stato valutato nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
Gli eventi di sicurezza sono stati raccolti e riportati nella popolazione ITT.

Tra il 2014 e il 2019, dei 3.797 pazienti arruolati, 3.617 ( 95.3% ) sono stati assegnati in modo casuale ( 1.810 alla terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva e 1.807 alla terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale ).

Il limite di futilità è stato superato durante la terza analisi intermedia nel giugno 2022, quando è stata presa la decisione di interrompere anticipatamente lo studio.
Dei 3.617 pazienti, 1.568 ( 43.4% ) erano donne e 2.049 ( 56.6% ) erano uomini.

Il follow-up mediano è stato di 59.0 mesi.

Un evento di esito primario si è verificato in 430 pazienti su 1.810 ( tasso di insorgenza Kaplan-Meier 23.5% a 60 mesi ) nel gruppo di terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva e in 470 pazienti su 1.807 ( 25.7% a 60 mesi ) nel gruppo di terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale ( hazard ratio, HR=0.89; P=0.077 ).

Eventi avversi correlati al sistema sono stati segnalati in 452 su 1.810 pazienti ( 25.0% ) nel gruppo di terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva e in 440 su 1.807 pazienti ( 24.3%) nel gruppo di terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale.

Rispetto alla terapia di resincronizzazione cardiaca convenzionale, la terapia di resincronizzazione cardiaca adattiva non ha ridotto significativamente l’incidenza di morte per tutte le cause o di interventi per insufficienza cardiaca nella popolazione inclusa di pazienti con insufficienza cardiaca, blocco di branca sinistra e conduzione atrioventricolare intatta.

I tassi di morte e scompenso da insufficienza cardiaca sono stati bassi con entrambe le terapie di resincronizzazione cardiaca, suggerendo che in questa popolazione si è verificata una maggiore risposta alla terapia di resincronizzazione cardiaca rispetto ai pazienti degli studi precedenti. ( Xagena2023 )

Wilkoff BL et al, Lancet 2023; 402: 1147-1157

Cardio2023



Indietro