Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Tempo al beneficio clinico di Dapagliflozin e significato del precedente ricovero per insufficienza cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta


Dapagliflozin ( Forxiga ) ha dimostrato di ridurre il rischio di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( HF ) nei pazienti con scompenso cardiaco cronico e frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ).
Tuttavia, l'inerzia clinica spesso è alla base dell'inizio differito di terapie efficaci.

Sono stati esaminati i tempi di insorgenza del beneficio clinico con Dapagliflozin e l'entità in funzione della vicinanza al precedente ricovero per insufficienza cardiaca in una analisi secondaria di uno studio multinazionale completato.
Lo studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse-Outcomes in Heart Failure ) è stato uno studio clinico randomizzato in doppio cieco controllato con placebo su Dapagliflozin in pazienti con HFrEF cronica ( n=4.744 ).

Tra il 2017 e il 2018, lo studio ha arruolato pazienti in classe NYHA da II a IV e con frazione di eiezione ventricolare sinistra pari o inferiore al 40%; il tempo medio di follow-up è stato di 18.2 mesi.

Gli hazard ratio ( HR ) sono stati calcolati per l'esito primario di efficacia con Dapagliflozin versus placebo in base al tempo dopo la randomizzazione.
L'efficacia e la sicurezza di Dapagliflozin sono state valutate in base alla tempistica del più recente ricovero per insufficienza cardiaca prima dell'arruolamento nello studio.

L’esito primario era un composito di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca.

Sono stati inclusi in totale 4.744 pazienti ( 1.109 donne, 23.4%; età media 66.3 anni ).

La riduzione dell'esito primario con Dapagliflozin è stata rapidamente evidente, con un beneficio statisticamente significativo, sostenuto, entro 28 giorni dopo la randomizzazione ( HR a 28 giorni, 0.51; P=0.03 ).

In totale 2.251 pazienti ( 47.4% ) erano stati precedentemente ricoverati per insufficienza cardiaca e 1.301 ( 27.4% ) erano stati ricoverati entro i 12 mesi precedenti l'arruolamento.

Tra i pazienti trattati con placebo, c'era un gradiente graduale di rischio per l'esito primario in base alla tempistica del più recente ricovero per insufficienza cardiaca, con tassi di Kaplan-Meier a 2 anni del 21.1%, 25.3% e 33.8% ( P aggiustato=0.003) per i pazienti senza mai un precedente ricovero per insufficienza cardiaca, con un ricovero più di 12 mesi prima e 12 o meno mesi prima, rispettivamente.

In questi sottogruppi, Dapagliflozin ha ridotto il rischio relativo dell'esito primario, rispettivamente, del 16% ( HR, 0.84 ), 27% ( HR, 0.73 ) e 36 % ( HR, 0.64 ) ( P=0.07 per trend ).

Di conseguenza, i pazienti con un ricovero per insufficienza cardiaca più recente hanno mostrato maggiori riduzioni del rischio assoluto con Dapagliflozin a 2 anni: 2.1%, 4.1% e 9.9%, rispettivamente ( P=0.05 per trend ).

Il trattamento con Dapagliflozin è risultato associato a una rapida riduzione del rischio di morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca, con un beneficio statisticamente significativo sostenuto che è emerso molto presto dopo la randomizzazione.
I pazienti con un ricovero per scompenso cardiaco più recente erano a rischio particolarmente elevato e hanno avuto una maggiore riduzione del rischio relativo e assoluto con Dapagliflozin. ( Xagena2021 )

Berg DD et al, JAMA Cardiol 2021; 6: 499-507

Cardio2021 Farma2021


Indietro