Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Studio randomizzato di Empagliflozin nei pazienti non-diabetici con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta


Ampi studi clinici hanno stabilito i benefici degli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio 2 ( SGLT2 ) nei pazienti con diabete mellito e insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ).
Il miglioramento precoce e significativo degli esiti clinici è probabilmente spiegato da effetti che vanno oltre la riduzione dell'iperglicemia.

È stato valutato l'effetto di Empagliflozin ( Jardiance ) sulla funzione e sui volumi del ventricolo sinistro ( LV ), sulla capacità funzionale e sulla qualità di vita ( QoL ) nei pazienti con scompenso HFrEF non-diabetici.

In uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, i pazienti con scompenso HFrEF non-diabetici ( n=84 ) sono stati randomizzati a ricevere Empagliflozin 10 mg al giorno o placebo per 6 mesi.

L'endpoint primario era la variazione del volume telediastolico e sistolico ventricolare sinistro valutato mediante risonanza magnetica cardiaca.
Gli endpoint secondari includevano i cambiamenti nella massa ventricolare sinistra, la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ), il picco del consumo di ossigeno nel test da sforzo cardiopolmonare, il test del cammino di 6 minuti e la qualità della vita.

Empagliflozin è stato associato a una significativa riduzione del volume telediastolico del ventricolo sinistro ( -25.1 ml vs -1.5 ml per Empagliflozin vs placebo, rispettivamente; P minore di 0,001 ) e volume telesistolico del ventricolo sinistro ( -26.6 ml vs -0.5 ml per Empagliflozin vs placebo; P minore di 0.001 ).

Empagliflozin è stato associato a riduzioni della massa ventricolare sinistra ( -17.8 g vs 4.1 g, rispettivamente per Empagliflozin vs placebo; P minore di 0.001 ) e della sfericità ventricolare sinistra e a miglioramenti della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( 6.0 vs -0.1; P minore di 0.001 ).

I pazienti che hanno ricevuto Empagliflozin hanno avuto miglioramenti significativi nel consumo di O2 di picco ( 1.1 ml/min/kg rispetto a -0.5 ml/min/kg per Empagliflozin rispetto al placebo, rispettivamente; P=0.017 ), nella pendenza dell'efficienza di assorbimento di ossigeno ( 111 rispetto a -145; P minore di 0.001 ), così come nel test del cammino di 6 minuti ( 81 m vs -35 m; P minore di 0.001 ) e qualità della vita ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire-12: 21 vs 2; P minore di 0.001 ).

La somministrazione di Empagliflozin a pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta non-diabetici ha migliorato in modo significativo i volumi del ventricolo sinistro, la massa del ventricolo sinistro, la funzione sistolica del ventricolo sinistro, la capacità funzionale e la qualità di vita rispetto al placebo.
Le osservazioni supportano fortemente un ruolo degli inibitori SGLT2 nel trattamento dei pazienti con scompenso HFrEF indipendentemente dal loro stato glicemico. ( Xagena2021 )

Santos-Gallego CG et al, J Am Coll Cardiol 2021; 77: 243-255

Cardio2021 Farma2021


Indietro