Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Studio HEAAL: benefici degli alti dosaggi di Losertan sugli esiti clinici nei pazienti con insufficienza cardiaca


I bloccanti del recettore dell’angiotensina, anche noti come sartani, rappresentano trattamenti efficaci per pazienti con insufficienza cardiaca, ma la relazione tra la dose e gli esiti clinici non è stata valutata.

I Ricercatori dello studio HEAAL hanno confrontato gli effetti di alte versus basse dosi di Losartan ( Lortaan ) nei pazienti con scompenso cardiaco.

Lo studio multicentrico ha coinvolto 3.846 pazienti con insufficienza cardiaca di classe NYHA ( New York Heart Association ) II-IV, frazione di eiezione ventricolare sinistra uguale o inferiore a 40% e intolleranza agli Ace inibitori.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere giornalmente Losartan 150 mg ( n=1.927 ) o 50 mg ( n=1.919 ).

L’endpoint primario era la mortalità o l’ammissione in ospedale per insufficienza cardiaca.

L’analisi è stata intention-to-treat. Il periodo osservazionale di 4.7 anni.
Sei pazienti in ciascun gruppo sono stati esclusi a causa della scarsa qualità dei dati.

Nel corso del periodo di follow-up, il 43% dei pazienti nel gruppo Losartan 150 mg, contro il 46% nel gruppo 50 mg, sono decedutui o sono stati ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca ( hazard ratio [ HR ] 0.90; p=0.027 ).

Per le due componenti dell’endpoint primario, 635 pazienti nel gruppo 150 mg, contro 665 nel gruppo 50 mg, sono deceduti ( HR 0.94; p=0.24) e 450, contro 503 pazienti, sono stati ammessi in ospedale per scompenso cardiaco ( HR=0.87; p=0.025 ).

Il deterioramento renale ( n=454 vs 317 ), l’ipotensione ( 203 vs 145 ) e l’ipercalemia ( 195 vs 131 ) sono risultati più comuni nel gruppo 150 mg che in quello 50 mg, ma questi eventi avversi non hanno portato a un numero superiore di interruzioni del trattamento nel gruppo 150 mg.

In conclusione, una dose giornaliera di 150 mg di Losartan riduce i tassi di rischio di mortalità o di ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca nei pazienti con scompenso cardiaco, ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra e intolleranza agli Ace inibitori, rispetto a una dose di 50 mg.
Questi dati mostrano l’efficacia di più alti dosaggi di sartani per l’ottenimento di benefici clinici. ( Xagena2009 )

Konstam MA et al, Lancet 2009; 374: 1840-1848


Cardio2009 Farma2009


Indietro