Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Studio COMPANION: la terapia di resincronizzazione cardiaca riduce il rischio di ospedalizzazione nei pazienti con insufficienza cardiaca in fase avanzata


Nello studio COMPANION ( Comparison of Medical Therapy, Pacing and Defibrillation in Heart Failure ), 1.520 pazienti con insufficienza cardiaca avanzata sono stati assegnati in un rapporto 1:2:2 a terapia farmacologica ottimale, terapia farmacologica ottimale più terapia di resincronizzazione cardiaca oppure a terapia di resincronizzazione cardiaca più defibrillatore.

L’uso della terapia di resincronizzazione cardiaca più terapia farmacologica ottimale o defibrillatore è risultato associato a una riduzione significativa nel rischio combinato di morte o di ospedalizzazione per tutte le cause.
Anche la mortalità è risultata significativamente ridotta ( terapia farmacologica ottimale versus terapia di resincronizzazione cardiaca e defibrillatore ).

Per superare gli ostacoli legati alla comparazione tra i gruppi di trattamento, i Ricercatori hanno utilizzato un test non parametrico degli eventi ricorrenti che teneva conto di ricoveri multipli in ospedale, tempo di follow-up differenziale tra i gruppi e morte come un rischio concorrente.

Rispetto alla terapia farmacologica ottimale, la terapia di resincronizzazione cardiaca con terapia farmacologica ottimale o con defibrillatore è risultata associata a un 21% e a un 25% di riduzione dei ricoveri in ospedale per paziente-anno di follow-up per tutte le cause, a una riduzione del 34% e 37% delle ospedalizzazioni per cause cardiache e a una riduzione del 44% e del 41% delle ospedalizzazioni per insufficienza cardiaca.

Riduzioni simili sono state osservate per i giorni di ospedalizzazione per paziente-anno.

La riduzione nel tasso di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei gruppi con terapia di resincronizzazione cardiaca si è manifestata entro pochi giorni dalla randomizzazione ed è rimasta sostenuta.

I tassi di ospedalizzazione non-cardiaca non hanno mostrato differenze tra i gruppi.

In conclusione, l’uso di terapia di resincronizzazione cardiaca con o senza un defibrillatore in pazienti con insufficienza cardiaca in fase avanzata è risultato associato a una marcata riduzione dei tassi di ospedalizzazione per tutte le cause, per cause cardiache e per scompenso cardiaco in un’analisi che teneva conto del rischio concorrente di mortalità e di differenze nel tempo di follow-up. ( Xagena2009 )

Anand IS et al, Circulation 2009; 119: 969-977

Cardio2009



Indietro