52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Riduzione selettiva della frequenza cardiaca con Ivabradina nei pazienti con scompenso cardiaco


L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se una riduzione isolata della frequenza cardiaca con Ivabradina ( Corlentor, Procoralan ) possa ridurre il post-carico dei pazienti con insufficienza cardiaca sistolica.

L'elastanza arteriosa effettiva rappresenta l’afterload resistivo e pulsatile del cuore derivato dalla relazione tra pressione e volume.
La frequenza cardiaca modula l'elastanza arteriosa, e, quindi, il burden del post-carico.

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica ( frazione di eiezione minore o uguale a 35% ), randomizzati a placebo o a Ivabradina nello studio SHIFT ( Systolic Heart Failure Treatment With the If Inhibitor Ivabradine Trial ), 275 pazienti ( n=132, placebo; n=143, Ivabradina 7.5 mg due volte al giorno ) sono stati inclusi nel sottostudio ecocardiografico.

L'elastanza arteriosa, la compliance arteriosa totale e l’elastanza telesistolica sono state calcolate al basale e dopo 8 mesi di trattamento.
La pressione sanguigna è stata misurata mediante bracciale; la gittata sistolica, la frazione di eiezione e il volume telediastolico sono stati valutati mediante ecocardiografia.

Al basale l’elastanza arteriosa, la compliance arteriosa totale, la frequenza cardiaca, e l’elastanza telesistolica non differivano significativamente tra i pazienti trattati con placebo e Ivabradina.

Dopo 8 mesi di trattamento, la frequenza cardiaca è risultata significativamente ridotta nel gruppo Ivabradina ( P minore di 0.0001 ) ed è stata accompagnata da una marcata riduzione dell'elastanza arteriosa ( P minore di 0.0001 ) e da una migliorata compliance arteriosa totale ( P=0.004 ), rispetto al gruppo placebo.

Sebbene la contrattilità sia rimasta invariata, l’accoppiamento ventricolo-arterioso è notevolmente migliorato ( P=0.002 ), risultante in una gittata sistolica superiore ( P minore di 0.0001 ) nei pazienti trattati con Ivabradina.

In conclusione, la riduzione della frequenza cardiaca isolata mediante Ivabradina migliora la compliance arteriosa totale, riducendo così l'elastanza arteriosa.
Poichè l’elastanza telesistolica è inalterata, il migliorato accoppiamento ventricolo-arterioso è responsabile di un aumento della gittata sistolica.
Pertanto, lo scarico del cuore può contribuire all'effetto benefico di una riduzione della frequenza cardiaca in pazienti con insufficienza cardiaca sistolica. ( Xagena2013 )

Reil JC et al, J Am Coll Cardiol 2013; 62: 21: 1977-1985

Cardio2013 Farma2013


Indietro