Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Riduzione del sodio nella dieta a meno di 100 mmol nell’insufficienza cardiaca: studio SODIUM-HF


La restrizione dietetica del sodio è stata suggerita per prevenire il sovraccarico di liquidi e gli esiti avversi per i pazienti con insufficienza cardiaca.
È stato progettato lo studio SODIUM-HF ( Study of Dietary Intervention under 100 mmol in Heart Failure ) per verificare se una riduzione del sodio nella dieta riduca o meno l'incidenza di eventi clinici futuri.

SODIUM-HF è uno studio internazionale, in aperto, randomizzato e controllato che ha arruolato pazienti in 26 centri in 6 Paesi ( Australia, Canada, Cile, Colombia, Messico e Nuova Zelanda ).
I pazienti idonei erano di età pari o superiore a 18 anni, con insufficienza cardiaca cronica ( classe funzionale NYHA 2-3 ) e che ricevevano un trattamento medico orientato dalle linee guida ottimamente tollerato.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale alle cure abituali secondo le linee guida locali o a una dieta a basso contenuto di sodio inferiore a 100 mmol ( cioè inferiore a 1.500 mg/die ).

L'esito primario era il composito di ricovero in ospedale per malattie cardiovascolari, visita al Pronto soccorso per malattie cardiovascolari, o morte per tutte le cause entro 12 mesi nella popolazione intention-to-treat ( ITT, tutti i pazienti assegnati in modo casuale ).
La sicurezza è stata valutata nella popolazione ITT.

Tra il 2014 e il 2020, 806 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a una dieta a basso contenuto di sodio ( n=397 ) o alle cure abituali ( n=409 ).
L'età media era di 67 anni, 268 ( 33% ) erano donne e 538 ( 66% ) erano uomini.
Tra il basale e 12 mesi, l'assunzione mediana di sodio è diminuita da 2.286 mg/die a 1.658 mg/die nel gruppo a basso contenuto di sodio e da 2.119 mg/die a 2.073 mg/die nel gruppo di cura abituale.

Entro 12 mesi, gli eventi che comprendevano l'esito primario si erano verificati in 60 dei 397 pazienti ( 15% ) nel gruppo dieta a basso contenuto di sodio e in 70 dei 409 pazienti ( 17% ) nel gruppo cure abituali ( hazard ratio, HR=0.89; P=0.53 ).

La morte per tutte le cause si è verificata in 22 pazienti ( 6% ) nel gruppo dieta a basso contenuto di sodio e in 17 ( 4% ) nel gruppo terapia abituale ( HR=1.38; P=0.32 ), il ricovero per cause cardiovascolari si è verificato in 40 pazienti ( 10% ) nel gruppo dieta a basso contenuto di sodio e in 51 pazienti ( 12% ) nel gruppo terapia abituale ( HR=0.82; P=0.36 ) e le visite al Pronto soccorso per malattie cardiovascolari si sono verificate in 17 pazienti ( 4% ) nel gruppo dieta a basso contenuto di sodio e in 15 pazienti ( 4% ) nel gruppo terapia abituale ( HR=1.21; P=0.60 ).
In nessuno dei due gruppi sono stati segnalati eventi di sicurezza correlati al trattamento in studio.

Nei pazienti ambulatoriali con insufficienza cardiaca, un intervento dietetico per ridurre l'assunzione di sodio non ha ridotto gli eventi clinici. ( Xagena2022 )

Ezekowitz JA et al, Lancet 2022; 399: 1391-1400

Nutri2022 Cardio2022



Indietro