Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Proteina C-reattiva ad alta sensibilità nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


L'infiammazione microvascolare può contribuire alla patogenesi di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) e ipertensione polmonare.

Uno studio ha valutato se il biomarcatore di infiammazione, proteina C-reattiva ( CRP ), fosse associato a caratteristiche cliniche, gravità della malattia o ipertensione polmonare in HFpEF.

Sono stati arruolati i pazienti nello studio RELAX ( Phosphodiesterase-5 Inhibition to Improve Clinical Status and Exercise Capacity in Diastolic Heart failure ) con le misurazioni dei livelli basali della proteina CRP ad alta sensibilità [ hs-CRP ] ( n=214 ).
Sono state valutate le caratteristiche cliniche, la prestazione sotto sforzo, le variabili ecocardiografiche e i biomarcatori di attivazione neuroumorale, la fibrosi e la necrosi miocardica.
Sono stati confrontati i pazienti con livelli di CRP normali ( inferiore o uguale a 3 mg/l ) rispetto a quelli con alti valori ( superiore a 3 mg/l ).

Il livello mediano di CRP era di 3.69 mg/l. La CRP era elevata nel 57% dei pazienti.

Alti livelli di CRP erano associati a più giovane età, più elevato indice di massa corporea ( BMI ), malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), minore consumo di ossigeno al picco e livelli più elevati di endotelina-1 e aldosterone.

E' stato osservato che la CRP aumentava progressivamente con il numero di comorbidità ( 0.7 mg/l per incremento nel numero di comorbilità, P=0.02 ).

Aggiustando per età, indice BMI e uso di statine, i livelli elevati di CRP sono risultati inoltre associati alla fibrillazione atriale, alla disfunzione ventricolare destra e ai livelli di frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( P minore di 0.05 per tutti ).

La CRP non è stata associata a ipertensione polmonare o alla funzione ventricolare sinistra.
La CRP non ha identificato i pazienti responder a Sildenafil ( P per interazione 0.13 ).

Nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata, un elevato valore di CRP è associato a un carico maggiore di comorbilità e ad alcuni marker di gravità della malattia, ma la proteina CRP è risultata normale nel 40% dei pazienti.
Questi risultati supportano la presenza di infiammazione sistemica determinata dalla comorbilità nella insufficienza cardiaca con frazione d'eizione preservata, ma anche la necessità di studiare altri biomarcatori che possono riflettere meglio la presenza di infiammazione sistemica. ( Xagena2018 )

DuBrock HM et al, PLoS One 2018; 13

Cardio2018



Indietro