Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

L’effetto di Vericiguat su NT-proBNP nei pazienti con peggioramento dello scompenso cardiaco può dipendere dalla dose


Vericiguat, un nuovo stimolatore della guanilato ciclasi solubile ( sGC ), non ha influenzato in modo significativo i cambiamenti dei livelli del frammento N-terminale propeptide natriuretico di tipo B ( NT-pBNP ) nei pazienti con peggioramento dello scompenso cardiaco.
Tuttavia, si ritiene che ci sia una relazione dose-risposta tra il farmaco e la riduzione di NT-proBNP.

E’stato condotto uno studio di fase 2 di dose-finding riguardante Vericiguat per determinare la tollerabilità del farmaco e il suo impatto su NT-proBNP.

Un totale di 456 pazienti con scompenso cardiaco e con frazione di eiezione ridotta ( inferiore al 45% ) che avevano presentato un peggioramento dello scompenso cardiaco nelle ultime 4 settimane, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo oppure una di quattro dosi, per os, di Vericiguat: 1.25 mg/die , 2.5 mg/die, 5 mg/die o 10 mg/die.
I pazienti nei gruppi 5 mg e 10 mg hanno iniziato ad assumere il dosaggio di 2.5 mg/die e successivamente la dose è stata titolata fino a raggiungere i valori prestabiliti.

L'endpoint primario era la variazione dei livelli di NT-proBNP log-trasformati a 12 settimane.

Nell'analisi primaria, i ricercatori hanno confrontato i risultati aggregati dei tre più alti dosaggi di Vericiguat con quelli del placebo.
Nell'analisi secondaria, è stata studiata la relazione dose-risposta tra Vericiguat e l'endpoint primario.

Il 77% dei pazienti randomizzati ha completato lo studio di 12 settimane.

Nell'analisi primaria, non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nell'endpoint primario tra i dati aggregati del gruppo Vericiguat e quelli del gruppo placebo ( differenza delle medie, 0.122; rapporto tra medie geometriche, 0.885; p=0.15 ).

L'analisi secondaria ha stabilito che ci può essere una relazione dose-risposta tra Vericiguat e la riduzione dei livelli di NT-proBNP.
Più alta è la dose di Vericiguat, maggiore è la riduzione di NT-proBNP ( p inferiore a 0.02 ).

Il tasso di mortalità cardiovascolare o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca a 12 settimane è stato pari a 19.6% nel gruppo placebo, 18.7% nel gruppo 1.25 mg, 19.8% nel gruppo 2.5 mg, 12.1% nel gruppo 5 mg e 11% nel gruppo 10 mg, con nessuna differenza significativa tra i gruppi.

Il gruppo 10 mg ha presentato un piccolo ma significativo aumento della frazione di eiezione del ventricolo sinistro, rispetto al gruppo placebo ( p inferiore a 0.05 ),

Il tasso di qualsiasi evento avverso è stato del 71.4% nel gruppo Vericiguat 10 mg e del 77.2% nel gruppo placebo. ( Xagena2015 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2015

Cardio2015 Farma2015


Indietro