Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione: importanza prognostica di NT-proBNP ed effetto di Empagliflozin - Studio EMPEROR-Reduced


Non è stata riportata la relazione tra i benefici di Empagliflozin ( Jardiance ) nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ) e il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ).

E' stata valutata la relazione tra NT-proBNP ed effetti di Empagliflozin nello studio EMPEROR-Reduced ( Empagliflozin Outcome Trial in Patients With Chronic Heart Failure With Reduced Ejection Fraction ).

I pazienti con insufficienza HFrEF sono stati assegnati in modo casuale a placebo o a Empagliflozin 10 mg al giorno.
NT-proBNP è stato misurato al basale, 4 settimane, 12 settimane, 52 settimane e 100 settimane. I pazienti sono stati divisi in quartili di NT-proBNP al basale.

I tassi di incidenza per ogni esito dello studio erano da 4 a 6 volte più alti tra quelli nei quartili di NT-proBNP più alti rispetto a quelli più bassi ( maggiore o uguale a 3.480 vs inferiore a 1.115 pg/ml ).
I partecipanti allo studio con NT-proBNP più elevato hanno avuto ricoveri totali da 2 a 3 volte superiori rispetto al quartile di NT-proBNP più basso.

Empagliflozin ha ridotto il rischio di eventi cardiorenali maggiori senza eterogeneità tra i quartili NT-proBNP ( endpoint primario P interazione=0.94; endpoint composito renale P per interazione=0.71 ).

Il trattamento con Empagliflozin ha ridotto significativamente l'NT-proBNP in tutti i momenti esaminati; entro 52 settimane, la differenza media aggiustata rispetto al placebo è stata pari al 13% ( P inferiore a 0.001 ).

Un NT-proBNP nel quartile più basso ( minore di 1.115 pg/ml ) 12 settimane dopo la randomizzazione è stato associato a un minore rischio di successiva morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca indipendentemente dalla concentrazione al basale.

Il trattamento con Empagliflozin ha determinato una probabilità aggiustata del 27% più alta di una concentrazione di NT-proBNP inferiore a 1.115 pg/ml entro 12 settimane rispetto al placebo ( P=0.01 ).

Nello studio EMPEROR-Reduced, concentrazioni basali più elevate di NT-proBNP sono state associate a un rischio maggiore di insufficienza cardiaca o di esiti renali avversi, ma Empagliflozin ha ridotto il rischio indipendentemente dalla concentrazione basale di NT-proBNP.
La concentrazione di NT-proBNP dopo il trattamento con Empagliflozin permette di meglio definire la prognosi successiva rispetto alle concentrazioni pre-trattamento. ( Xagena2021 )

Januzzi JL et al, J Am Coll Cardiol 2021; 78: 1321-1332

Cardio2021 Farma2021


Indietro