Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Insufficienza cardiaca aumenta il rischio di esiti renali avversi nei pazienti con funzione renale normale


L'insufficienza cardiaca è associata a esiti cardiaci sfavorevoli e a mortalità. Non è noto se l'insufficienza cardiaca porti a esiti renali sfavorevoli nei pazienti con normale funzionalità renale.
Si è ipotizzato che lo scompenso cardiaco sia associato a peggiori esiti renali a lungo termine.

Tra 3.570.865 veterani statunitensi con velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) uguale o superiore a 60 ml min-1 1.73 m-2 dal 2004 al 2006, ne sono stati identificati 156.743 con diagnosi di insufficienza cardiaca secondo ICD ( International Classification of Diseases ), nona revisione.
È stata esaminata l'associazione dello scompenso cardiaco con malattia renale cronica incidente, il composito di nefropatia cronica incidente o mortalità e il tasso rapido di declino di eGFR ( pendenze più ripide di -5 ml min-1 1.73 m-2 y-1 ).

L’età media e il valore di GFR, al basale, dei pazienti con insufficienza cardiaca sono stati 68 anni e 78 ml min-1 1.73 m-2, e nei pazienti senza insufficienza cardiaca sono stati 59 anni e 84 ml min-1 1.73 m-2, rispettivamente.

I pazienti con insufficienza cardiaca hanno presentato una maggiore prevalenza di ipertensione, diabete mellito, patologie cardiache, patologie vascolari periferiche e polmonari croniche, ictus e demenza.

L'incidenza di malattia renale cronica è stata di 69.0/1.000 anni-paziente nei pazienti con insufficienza cardiaca rispetto a 14.5/1.000 anni-paziente in quelli senza insufficienza cardiaca; il 22% dei pazienti con insufficienza cardiaca ha avuto un rapido declino di eGFR rispetto all'8.5% dei pazienti senza insufficienza cardiaca.

I pazienti con insufficienza cardiaca hanno avuto un rischio aggiustato per le variabili di 2.12, 2.06 e 2.13 volte maggiore di malattia renale cronica incidente, composito di nefropatia cronica o mortalità e declino rapido di eGFR, rispettivamente.

In conclusione, l'insufficienza cardiaca è associata a un rischio significativamente più elevato di malattia renale cronica incidente, malattia renale cronica incidente o mortalità e declino rapido di eGFR.
La diagnosi precoce e la gestione di insufficienza cardiaca potrebbero aiutare a ridurre il rischio di complicanze renali a lungo termine. ( Xagena2017 )

George LK et al, Circulation: Heart Failure 2017; 10

Cardio2017 Nefro2017



Indietro