Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Insufficienza cardiaca acuta: la concentrazione della neprilisina forma solubile è associata agli esiti nel breve e nel lungo periodo


Uno studio ha cercato di esaminare il valore prognostico della forma solubile della neprilisina ( sNEP ) nell'insufficienza cardiaca acuta ( AHF ) e la cinetica della neprilisina nella forma solubile durante il ricovero in ospedale.

La forma solubile della neprilisina è stata recentemente identificata nello scompenso cardiaco cronico ed è stata associata agli esiti cardiovascolari.

Un totale di 350 pazienti ( 53% donne, età media di 72.6 anni ) sono stati inclusi nello studio.

L’endpoint primario era rappresentato da un composito di morte per cause cardiovascolari o di ospedalizzazione per scompenso cardiaco nel follow-up di breve periodo ( 2 mesi ) e di lungo periodo ( media: 1.8 ± 1.2 anni ).

La forma solubile della neprilisina è stata misurata utilizzando un test di immunoassorbimento enzimatico ( ELISA ) modificato ad hoc, e il suo valore prognostico è stato valutato utilizzando l'analisi di regressione di Cox.
In un sottogruppo di pazienti, la forma solubile di neprilisina è stata misurata sia al momento dell’ingresso nell’ospedale sia alla dimissione ( n=92 ).

I valori mediani di concentrazione della forma solubile della neprilisina all’ammissione erano pari a 0.67 ng/ml ( Q1 a Q3: 0.37-1.29 ), e la neprilisina forma solubile era significativamente associata, nelle analisi di regressione di Cox ( aggiustate per l’età ), all'endpoint composito nel corso del follow-up di breve periodo ( hazard ratio [HR]: 1.29; 95% intervallo di confidenza [CI]: 1.04-1.61; p = 0.02 ) e di lungo periodo ( HR: 1,23; IC 95%: 1.01-1.05; p = 0.003 ).

All’analisi multivariata di Cox, che ha incluso le variabili cliniche e la concentrazione di NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ), la concentrazione della neprilisina in forma solubile al momento del ricovero hanno mostrato una chiara tendenza verso la significatività per l'endpoint composito a 2 mesi ( HR: 1.22; 95% CI: 0.97-1.53; p = 0.09 ) che è rimasto significativo fino alla fine del follow-up ( HR: 1.21; IC 95%: 1.04-1.40; p = 0.01 ).
Alla dimissione, i livelli della forma solubile della neprilisina sono diminuiti da 0.70 a 0.52 ng/ml ( p=0.06 ).

In conclusione, la concentrazione della neprilisina in forma solubile al momento della ammissione in ospedale è risultata associata agli esiti a breve e a lungo termine nello scompenso cardiaco acuto; durante il ricovero in ospedale sono state osservate concentrazioni dinamiche della neprilisina in forma solubile.
Questi dati preliminari possono fornire elementi per l'impiego degli inibitori della neprilisina nello scompenso cardiaco acuto.

Prospettive

La neprilisina è un enzima che degrada una serie di peptidi vasoattivi nei pazienti con insufficienza cardiaca, e l'inibizione della neprilisina come obiettivo terapeutico è associata a riduzione della morbilità e mortalità cardiovascolare.

Studi prospettici sono necessari per valutare se l'inibizione della neprilisina basata sulla misurazione della concentrazione plasmatica della neprilisina in pazienti con insufficienza cardiaca acuta sia clinicamente utile. ( Xagena2015 )

Bayes-Genis A et al, JCHF 2015; 3: 641-644

Cardio2015



Indietro