52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Inizio dell'inibizione dell'angiotensina - neprilisina dopo insufficienza cardiaca acura scompensata: analisi secondaria dell'estensione dello studio PIONEER-HF


Nello studio PIONEER-HF, tra i pazienti stabilizzati con insufficienza cardiaca acuta scompensata ( ADHF ), l'inizio della somministrazione in ospedale di Sacubitril / Valsartan ( Entresto ) è risultato ben tollerato e ha portato a esiti migliori rispetto a Enalapril ( Enapren )
Tuttavia, ci sono dati limitati sul confronto tra le strategie di somministrazione di Sacubitril / Valsartan in ospedale versus post-dimissione.

Sono stati descritti i cambiamenti nei livelli di segmento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) nei pazienti recentemente ospedalizzati per ADHF e passati dall'assunzione di Enalapril all'assunzione di Sacubitril e Valsartan dopo la dimissione e sono stati confrontati gli esiti clinici per i pazienti randomizzati a iniziare in ospedale Sacubitril / Valsartan versus Enalapril che in seguito sono passati all'assunzione di Sacubitril / Valsartan durante una fase di estensione in aperto.
Sacubitril / Valsartan è stato titolato a 97/103 mg due volte al giorno.

Lo studio PIONEER-HF era uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, a controllo attivo, condotto in 129 siti statunitensi tra il 2016 e il 2018 che ha confrontato l'inizio in ospedale delal combinazione Sacubitril e Valsartan versus Enalapril ( titolato alla dose target, 10 mg due volte al giorno ), per 8 settimane tra i pazienti ammessi per insufficienza ADHF con ridotta frazione di eiezione e stabilità emodinamica.

Tutti i pazienti dovevano proseguire uno studio in aperto di 4 settimane con Sacubitril / Valsartan; di 881 pazienti arruolati in PIONEER-HF, 832 ( 94% ) hanno continuato lo studio in aperto.

Gli esiti principali erano cambiamenti nei livelli di NT-proBNP dalla settimana 8 alla 12, così come il composito esplorativo di riospedalizzazione per insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare dalla randomizzazione alla settimana 12.

Su 881 partecipanti, 226 ( 27.7% ) erano donne, 487 ( 58.5% ) erano bianchi, 297 ( 35.7% ) erano neri, 15 ( 1.8% ) erano asiatici e 73 ( 8.8% ) erano ispanici; l'età media era di 61 anni.
Per i pazienti che hanno continuato a prendere Sacubitril e Valsartan, i livelli di NT-proBNP sono diminuiti del -17.2% dalla settimana 8 alla 12.

I livelli di NT-proBNP sono diminuiti in misura maggiore per coloro che sono passati da Enalapril a Sacubitril / Valsartan dopo la visita alla settimana 8 ( -37.4%; P minore di 0.001; confrontando i cambiamenti nei due gruppi ).

Durante le 12 settimane complessive di follow-up, i pazienti che hanno iniziato a prendere Sacubitril e Valsartan in ospedale hanno avuto un rischio inferiore per l'esito composito rispetto ai pazienti che hanno iniziato Enalapril in ospedale e poi hanno avuto un inizio ritardato di Sacubitril / Valsartan 8 settimane dopo ( hazard ratio, HR=0.69 ).

Il passaggio dei pazienti dal trattamento con Enalapril a Sacubitril / Valsartan a 8 settimane dopo la randomizzazione ha portato a una ulteriore riduzione del 37% dei livelli di NT-proBNP nei pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione e un recente ricovero per insufficienza cardiaca acuta scompensata. ( Xagena2020 )

DeVore AD et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 202-207

Cardio2020 Farma2020


Indietro