52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Inibizione della neprilisina e del recettore della angiotensina in confronto a Enalapril e rischio di progressione clinica nei pazienti sopravvissuti con insufficienza cardiaca


Gli studi clinici sullo scompenso cardiaco si sono concentrati sul miglioramento dei sintomi o sul calo del rischio di morte e di altri eventi cardiovascolari.
Poco si sa circa l'effetto dei farmaci sul rischio di peggioramento clinico nei pazienti sopravvissuti.

È stato confrontato l’inibitore dell’angiotensina-neprilisina LCZ696 ( 400 mg al giorno ) con l'inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina Enalapril ( 20 mg al giorno; Enapren ) in 8.399 pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta in uno studio in doppio cieco.

LCZ696 è una combinazione di Sacubitril ( inibitore della neprilisina ) e di Valsartan ( inibitore del recettore dell’angiotensina II; anche detto sartano ) [ Entresto ].

Le analisi si sono concentrate sulle misure prespecificate di deterioramento clinico non-fatale.

Rispetto al gruppo Enalapril, un numero inferiore di pazienti trattati con LCZ696 ha avuto necessità di una intensificazione della terapia medica per lo scompenso cardiaco ( 520 vs 604; hazard ratio, HR=0.84; P=0.003 ) o di una visita al Pronto soccorso per il peggioramento dello scompenso cardiaco ( HR=0.66; P=0.001 ).

I pazienti nel gruppo LCZ696 hanno presentato una riduzione del 23% in meno di ricoveri per il peggioramento della insufficienza cardiaca ( 851 vs 1.079; P minore di 0.001 ) e hanno avuto meno probabilità di necessitare della terapia intensiva ( 768 vs 879; riduzione del tasso del 18%, P=0.005 ), di ricevere per via endovenosa agenti inotropi positivi ( riduzione del rischio del 31%, P minore di 0.001 ) e di subire l'impianto di un dispositivo per l’insufficienza cardiaca o un trapianto cardiaco ( riduzione del rischio del 22%, P=0.07 ).

La riduzione nel ricovero per scompenso cardiaco con LCZ696 è stata evidente entro i primi 30 giorni dopo la randomizzazione.

Il peggioramento dei punteggi dei sintomi nei pazienti sopravvissuti è risultato costantemente più comune nel gruppo Enalapril.

LCZ696 ha portato a una riduzione precoce e sostenuta dei biomarcatori di stress della parete miocardica e di danno ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B e troponina ) rispetto a Enalapril.

In conclusione, l'inibizione angiotensina-neprilisina previene la progressione clinica nei pazienti sopravvissuti con insufficienza cardiaca in modo più efficace della sola inibizione dell'enzima di conversione dell'angiotensina. ( Xagena2015 )

Packer M et al, Circulation 2015;131:54-61

Cardio2015 Farma2015


Indietro