Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Frequenza cardiaca ed esiti nei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


Una frequenza cardiaca inferiore è associata a migliori esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca ( HF ) con frazione di eiezione ridotta ( EF )
Meno è noto su questa associazione nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ).

Uno studio ha esaminato le associazioni tra frequenza cardiaca alla dimissione e gli esiti nei pazienti ospedalizzati con HFpEF.
Su 8.873 pazienti ospedalizzati con HFpEF ( frazioen di eiezione maggiore o uguale al 50% ) nel registro Medicare OPTIMIZE-HF ( Organized Program to Initiate Lifesaving Treatment in Hospitalized Patients with Heart Failure ), 6.286 avevano una frequenza cardiaca stabile, definita come una variazione minore o uguale a 20 battiti/minuto tra ricovero e dimissione.

Di questi, 2.369 ( 38% ) avevano una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto.
I punteggi di propensione per la frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto, stimati per ciascuno dei 6.286 pazienti, sono stati usati per assemblare una coorte di 2.031 coppie di pazienti con frequenza cardiaca inferiore a 70 battiti/minuto rispetto a maggiore o uguale a 70 battiti/minuto, bilanciata su 58 caratteristiche basali.

I 4.062 pazienti abbinati avevano una età media di 79 anni, il 66% erano donne e il 10% erano afroamericani.

Durante 6 anni ( mediana 2.8 anni ) di follow-up, la mortalità per tutte le cause è stata del 65% rispetto al 70% per i pazienti con una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto rispetto a maggiore o uguale a 70 battiti/minuto, rispettivamente ( hazard ratio, HR: 0.86; P minore di 0.001 ).

Una frequenza cardiaca inferiore a 70 battiti/minuto è stata anche associata a un rischio inferiore per l'endpoint combinato di nuovo ricovero per insufficienza cardiaca o mortalità per tutte le cause ( HR=0.90; P=0.002 ), ma non nuovo ricovero per insufficienza cardiaca ( HR=0.93 ) o nuovo ricovero per qualsiasi causa ( HR=1.01 ).

Associazioni simili sono state osservate indipendentemente dal ritmo cardiaco o dall’uso di beta-bloccanti.

In conclusione, tra i pazienti ospedalizzati con HFpEF, una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore è stata associata in modo indipendente a un minore rischio di mortalità per tutte le cause, ma non di nuovo ricovero. ( Xagena2017 )

Lam PH et al, J Am Coll Cardiol 2017; 70: 1861-1871

Cardio2017



Indietro