Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Frequenza cardiaca come fattore di rischio nello scompenso cardiaco cronico


Un'aumentata frequenza cardiaca a riposo è un marcatore di rischio cardiovascolare.
È stato ipotizzato che la frequenza cardiaca sia anche un fattore di rischio di eventi cardiovascolari nell'insufficienza cardiaca. Nello studio SHIFT, pazienti con insufficienza cardiaca cronica sono stati trattati con il farmaco selettivo per la riduzione della frequenza cardiaca Ivabradina.

Uno studio ha verificato questa ipotesi analizzando l'associazione tra frequenza cardiaca ed eventi in questa popolazione di pazienti.

Sono stati analizzati gli esiti cardiovascolari nei gruppi placebo ( n=3264 ) e Ivabradina ( n=3241 ) di questo studio randomizzato, suddivisi in base ai quintili di frequenza cardiaca al basale nel gruppo placebo.

L'esito primario composito era la mortalità cardiovascolare o ammissione in ospedale per peggioramento dell'insufficienza cardiaca.

Nel gruppo Ivabradina ( Procoraban ), è stata inoltre analizzata la frequenza cardiaca raggiunta a 28 giorni in relazione ad esiti successivi.

Nel gruppo placebo, i pazienti con le più alte frequenze cardiache ( maggiore o uguale a 87 battiti per minuto [ bpm ], n=682, 286 eventi ) sono risultati a rischio più che doppio di endpoint primario composito rispetto ai pazienti con le frequenza più basse ( da 70 a minore di 72 bpm, n=461, 92 eventi; hazard ratio, HR=2.34; p minore di 0.0001 ).

Il rischio di eventi dell’endpoint primario composito sono aumentati del 3% con ogni aumento del battito dalla frequenza basale e del 16% per ogni aumento di 5 battiti al minuto.

Nel gruppo Ivabradina, è stata osservata un'associazione diretta tra frequenza cardiaca raggiunta a 28 giorni e successivi esiti cardiaci.

I pazienti con frequenza cardiaca inferiore a 60 battiti per minuto a 28 giorni di trattamento hanno mostrato meno eventi dell'endpoint primario composito durante lo studio ( n=1192; tasso di evento: 17.4% ) rispetto ai pazienti con la frequenza più bassa.

L'effetto di Ivabradina è giustificato dalla riduzione della frequenza cardiaca, come mostrato dalla neutralizzazione dell'effetto del trattamento dopo aggiustamento per il cambiamento della frequenza cardiaca a 28 giorni ( HR=0.95; p=0.352 ).

In conclusione, questa analisi ha confermato che un'alta frequenza cardiaca è un fattore di rischio nell'insufficienza cardiaca, che la riduzione della frequenza cardiaca con Ivabradina migliora gli esiti cardiovascolari e, di conseguenza, la frequenza cardiaca rappresenta un importante bersaglio per il trattamento dello scompenso cardiaco. ( Xagena2010 )

Böhm M et al, Lancet 2010; 376: 886-894


Farma2010 Cardio2010





Indietro