Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Fibrillazione atriale nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, intermedia e ridotta


Uno studio ha valutato i fattori di rischio indipendenti, le conseguenze e gli esiti con fibrillazione atriale, rispetto al ritmo sinusale nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) rispetto a insufficienza cardiaca con frazione d'eiezione intermedia ( HFmrEF ) contro insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ).

La fibrillazione atriale è comune nello scompenso cardiaco, ma la maggior parte dei dati proviene dallo scompenso HFrEF.
L'importanza della fibrillazione atriale nello scompenso con frazione di eiezione conservara e con frazione di eiezione intermedia è meno nota.

Nei pazienti dal 2000 al 2012 nel registro SwedeHF ( Swedish Heart Failure Registry ), arricchito con dati a livello di paziente dai registri sanitari nazionali, è stata valutata la prevalenza, l'associazione e l'impatto prognostico della fibrillazione atriale nei pazienti con HFpEF rispetto a HFmrEF rispetto a HFrEF.

Di 41.446 pazienti, il 23% aveva HFpEF, il 22% aveva HFmrEF e il 55% aveva HFrEF. La prevalenza di fibrillazione atriale è risultata rispettivamente del 65%, 60% e 53% in HFpEF, HFmrEF e HFrEF.

Le associazioni indipendenti con fibrillazione atriale sono state simili in HFpEF, HFmrEF e HFrEF e hanno incluso: età più avanzata, sesso maschile, durata della insufficienza cardiaca, precedente infarto del miocardio e precedente ictus o attacco ischemico transitorio ( TIA ).

I rapporti di rischio aggiustati per fibrillazione atriale rispetto a ritmo sinusale in HFpEF, HFmrEF e HFrEF sono stati i seguenti: per la mortalità, 1.11, 1.22 e 1.17; per ospedalizzazione o morte a causa di insufficienza cardiaca, 1.17, 1.29 e 1.15; per ictus o TIA o mortalità, 1.15, 1.23 e 1.19.

In conclusione, la fibrillazioen atriale è risultata progressivamente più comune con l'aumentare della frazione di eiezione, ma è stata associata a caratteristiche cliniche simili in HFpEF, HFmrEF e HFrEF.
La fibrillazione atriale è risultata associata a un rischio aumentato in modo simile di morte, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e ictus o TIA in tutti i gruppi di frazione di eiezione.
Al contrario, le popolazioni con fibrillazione atriale e con ritmo sinusale si sono dimostrate notevolmente diverse per quanto riguarda le caratteristiche e gli esiti dei pazienti. ( Xagena2017 )

Sartipy U et al, JACC: Heart Failure 2017; 5: 565-574

Cardio2017



Indietro