Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Esiti a 5 anni per i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, borderline e ridotta


I pazienti con insufficienza cardiaca hanno una prognosi sfavorevole e sono classificati per frazione di eiezione.
Si è cercato di caratterizzare le differenze negli esiti dei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) ( frazioen di eiezione uguale o maggiore del 50% ), insufficienza cardiaca con frazione di eiezione borderline ( HFbEF ) ( frazione di eiezione dal 41% al 49% ) e insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ) ( frazione di eiezione uguale o inferiore al 40% ).

I dati di GWTG-HF ( Get With The Guidelines-Heart Failure ) sono stati collegati ai dati Medicare per il follow-up.
Sono stati esaminati i risultati a 5 anni ed è stata confrontata la sopravvivenza alla sopravvivenza mediana della popolazione statunitense.

Sono stati inclusi 39.982 pazienti da 254 ospedali che sono stati ricoverati per insufficienza cardiaca tra il 2005 e il 2009: 18.299 ( 46% ) avevano HFpEF ( conservata ), 3.285 ( 8.2% ) avevano HFbEF ( borderline ) e 18.398 ( 46% ) avevano HFrEF ( ridotta ).
Complessivamente, la sopravvivenza mediana è stata di 2.1 anni.

Nell'analisi di sopravvivenza aggiustata per il rischio, tutti e tre i gruppi avevano mortalità a 5 anni simile ( HFrEF 75.3% vs HFpEF 75.7%, hazard ratio, HR=0.99; HFbEF 75.7% vs HFpEF 75.7%; HR=0.99 ).

Nelle analisi aggiustate per il rischio, il composito di mortalità e riospedalizzazione è risultato simile in tutti i sottogruppi.

I tassi di riammissione per cause cardiovascolari e da insufficienza cardiaca erano più alti nei soggetti con HFrEF( ridotta ) e HFbEF ( borderline ) rispetto a quelli con HFpEF ( conservata )
Se confrontati con la popolazione statunitense, i pazienti con insufficienza cardiaca di tutte le età e in tutti i gruppi di frazioen di eiezione hanno mostrato una sopravvivenza mediana nettamente inferiore.

In conclusione, tra i pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca, i pazienti in tutto lo spettro di frazione di eiezione hanno presentato una sopravvivenza a 5 anni altrettanto bassa con un rischio elevato di ricovero ospedaliero per cause cardiovascolari e da insufficienza cardiaca.
Questi risultati sottolineano la necessità di migliorare il trattamento dei pazienti con insufficienza cardiaca. ( Xagena2017 )

Shah KS et al, J Am Coll Cardiol 2017; 70: 2476-2486

Cardio2017



Indietro