Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Empagliflozin nel trattamento dell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta in aggiunta alle terapie di base e alle combinazioni terapeutiche: studio EMPEROR-Reduced


È importante valutare se un nuovo trattamento per l'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ) fornisca un beneficio additivo ai trattamenti di base. Pertanto, sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Empagliflozin ( Jardiance ) nei pazienti con scompenso cardiaco HFrEF oltre al trattamento di base con dosi specifiche e combinazioni di terapie modificanti la malattia.

È stata eseguita un'analisi post-hoc dello studio randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli EMPEROR-Reduced, che è stato condotto in 520 centri ( ospedali e cliniche mediche ) in 20 Paesi in Asia, Australia, Europa, Nord America e Sud America.

I pazienti con classificazione II-IV NYHA con una frazione di eiezione del 40% o meno sono stati assegnati in modo casuale a ricevere l'aggiunta di Empagliflozin orale 10 mg al giorno oppure placebo alla terapia di base.

L'esito composito primario era la morte cardiovascolare e il ricovero per insufficienza cardiaca; l'esito secondario erano i ricoveri ospedalieri per insufficienza cardiaca totale. È stato anche valutato un esito composito esteso costituito da eventi HFrEF con ricovero e ambulatoriali.

I risultati sono stati analizzati in base all'uso di base di inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE ), bloccanti del recettore dell'angiotensina II ( ARB; sartani ) o inibitori del recettore dell'angiotensina e della neprilisina ( ARNI ), nonché beta-bloccanti e antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi ( MRA ) a meno del 50% o 50% o più delle dosi target e in varie combinazioni.

In questa analisi post-hoc di 3.730 pazienti ( età media 66.8 anni, 893 donne, 23.9%; 1.863, 49.9%, nel gruppo Empagliflozin, 1.867 nel gruppo placebo, 50.1% ) valutati tra il 2017 e il 2020, Empagliflozin ha ridotto il rischio dell'esito primario ( 361 su 1.863 partecipanti nel gruppo Empagliflozin e 462 su 1.867 nel gruppo placebo; hazard ratio, HR=0.75 ) indipendentemente dalla terapia di base o dalle sue dosi target per ACE-inibitori o sartani a dosi inferiori al 50% della dose target ( HR=0.85 ) e per dosi pari o superiori al 50% della dose target ( HR=0.67; P interazione=0.18 ).

Un risultato simile è stato osservato per i beta-bloccanti a dosi inferiori al 50% della dose target ( HR=0.66 ) e per dosi pari o superiori al 50% della dose target ( HR=0.81; P per interazione=0.15 ).

Empagliflozin ha anche ridotto il rischio dell'esito primario indipendentemente dall'uso di base di una tripla terapia con un ACE inibitore, sartano o inibitore del recettore dell'angiotensina e della neprilisina più beta-bloccante più antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi ( con la combinazione HR=0.73; senza la combinazione HR=0.76; P per interazione=0.77 ).

Modelli simili di beneficio sono stati osservati per gli esiti compositi secondari ed estesi.

Empagliflozin è risultato ben tollerato e le percentuali di ipotensione, ipotensione sintomatica e iperkaliemia sono risultate simili in tutti i sottogruppi.

Empagliflozin ha ridotto gli esiti di grave insufficienza cardiaca attraverso le dosi e le combinazioni di terapie modificanti la malattia per scompenso cardiaco con ridotta frazione di eiezione.
Clinicamente, questi dati hanno indicato che Empagliflozin potrebbe essere considerato una terapia fondamentale nei pazienti con scompenso cardiaco HFrEF indipendentemente dalla terapia di base esistente. ( Xagena2022 )

Verma S et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2022; 10: 35-45

Cardio2022 Farma2022


Indietro