Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Efficacia e sicurezza di Dapagliflozin nell'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta in base all'età: approfondimenti dallo studio DAPA-HF


Lo studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse-Outcomes in Heart Failure ) ha mostrato che Dapagliflozin ( Forxiga ) aggiunto ad altre terapie raccomandate dalle linee guida ha ridotto il rischio di mortalità e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e ha migliorato i sintomi nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione.
Sono stati esaminati gli effetti di Dapagliflozin in base all'età, dati i potenziali dubbi sull'efficacia e la sicurezza delle terapie negli anziani.

I pazienti con classe funzionale II o superiore della classe NYHA con una frazione di eiezione ventricolare ( FEVS ) sinistra minore o uguale al 40% e un modesto aumento di NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ) erano idonei.
I criteri di esclusione includevano pressione arteriosa sistolica inferiore a 95 mm Hg e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) inferiore a 30 ml x min−1 x 1.73 m−2.

L'esito primario era il composito di un episodio di peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( ricovero per insufficienza cardiaca o visita urgente per insufficienza cardiaca ) o morte cardiovascolare, a seconda di quale evento si verificasse per primo.

In totale 4.744 pazienti di età compresa tra 22 e 94 anni ( età media, 66.3 anni ) sono stati randomizzati: 636 pazienti ( 13.4% ) avevano meno di 55 anni, 1.242 ( 26.2% ) avevano 55-64 anni, 1.717 ( 36.2% ) avevano un'età compresa tra 65 e 74 anni e 1.149 ( 24.2% ) avevano un'età maggiore o uguale a 75 anni.

Il tasso di esito primario ( per 100 anni-persona, braccio placebo ) in ogni gruppo di età è stato 13.6, 15.7, 15.1 e 18.0 con corrispondenti hazard ratio di Dapagliflozin / placebo di 0.87, 0.71, 0.76 e 0.68 ( P per interazione=0.76 ).

Sono stati osservati benefici coerenti per i componenti dell’esito primario, la mortalità per tutte le cause e i sintomi.
Sebbene gli eventi avversi e l'interruzione del trattamento di studio siano aumentati con l'età, nessuno è risultato significativamente più comune con Dapagliflozin in qualsiasi fascia di età.

Dapagliflozin ha ridotto il rischio di morte e peggioramento dell'insufficienza cardiaca e ha migliorato i sintomi nell'ampio spettro di età studiato in DAPA-HF.
Non ci sono stati squilibri significativi nella tollerabilità o eventi di sicurezza tra Dapagliflozin e placebo, anche negli individui anziani. ( Xagena2020 )

Martinez FA et al, Circulation 2020; 141: 100-111

Cardio2020 Farma2020


Indietro