Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Efficacia e sicurezza di Dapagliflozin nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione lievemente ridotta o conservata in base allo stato glicemico al basale: studio DELIVER


Il diabete di tipo 2 e il prediabete sono fattori di rischio per insufficienza cardiaca ed esiti avversi di insufficienza cardiaca.
Lo studio DELIVER ( Dapagliflozin Evaluation to Improve the Lives of Patients with Preserved Ejection Fraction Heart Failure ) ha mostrato che Dapagliflozin ( Forxiga ) era associato a una riduzione dell'esito primario di peggioramento dell'insufficienza cardiaca o della mortalità cardiovascolare nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione lievemente ridotta o conservata.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Dapagliflozin orale in questi pazienti in base alle categorie di glicemia al basale.

DELIVER è stato uno studio internazionale, multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo condotto in 350 Centri sanitari e Ospedali in 20 Paesi.
Pazienti di età pari o superiore a 40 anni con classe NYHA II-IV, frazione di eiezione ventricolare sinistra superiore al 40%, peptidi natriuretici elevati ( frammento N-terminale del pro-petdide natriuretico di tipo B [ NT-proBNP ] maggiore o uguale a 300 pg/ml o maggiore o uguale a 600 pg/ml per i pazienti con fibrillazione atriale o flutter atriale ) ed evidenza di cardiopatia strutturale sono stati assegnati in modo casuale a 10 mg di Dapagliflozin oppure a placebo, somministrati per via orale, e seguiti per un periodo mediano di 2.3 anni.

L'esito primario, un composito di tempo dalla randomizzazione al primo peggioramento degli eventi di insufficienza cardiaca ( definito come ricovero non-programmato o visita urgente per insufficienza cardiaca che richiedeva terapia endovenosa ) o morte cardiovascolare, nei partecipanti con diabete di tipo 2 ( storico o identificato da HbA1c maggiore o uguale a 6.5%, 48 mmol/mol, al basale ) o prediabete ( HbA1c da 5.7 a inferiore a 6.5%, da 39 mmol/mol a meno di 48 mmol/mol, al basale ) è stato confrontato con i pazienti con normoglicemia ( HbA1c inferiore a 5.7%, 39 mmol/mol ).

L'efficacia di Dapagliflozin rispetto al placebo è stata valutata in base allo stato glicemico e sulla base di HbA1c come misura continua.
Il set completo di analisi comprendeva tutti i pazienti che erano stati assegnati in modo casuale al trattamento in studio, con i pazienti analizzati in base alla loro assegnazione randomizzata al trattamento, indipendentemente dal trattamento ricevuto ( intention-to-treat [ ITT ] ).

Il set di analisi della sicurezza ha compreso pazienti che sono stati assegnati in modo casuale al trattamento in studio e che hanno assunto almeno una dose del prodotto di studio, con i pazienti analizzati in base al trattamento effettivamente ricevuto.

Tra il 2018 e il 2021, 6.263 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Dapagliflozin orale ( n=3.131 ) o placebo ( n=3.132 ).
Di questi pazienti, 1.175 avevano normoglicemia, 1.934 avevano prediabete e 3.150 avevano diabete di tipo 2 e sono stati inclusi nell'analisi dei sottogruppi della glicemia ( 3.515 su 6.263 pazienti, 56.2%, erano uomini e 4.435, 70.9%, erano bianchi ).

Il tasso di incidenza dell'esito primario è stato di 6.9 per 100 anni-paziente nel sottogruppo normoglicemia ( riferimento ), aumentato a 7.6 per 100 anni-paziente nel sottogruppo prediabete ( hazard ratio, HR=1.09 ) e 10.1 per 100 anni-paziente nel sottogruppo di diabete di tipo 2 ( 1.46; P minore di 0.0001 per il trend ).

Dapagliflozin ha ridotto il rischio di esito primario rispetto al placebo in ciascun sottogruppo ( HR=0.77, log-rank P=0.088, per i pazienti con normoglicemia, 0.87, log-rank P=0.21, per i pazienti con prediabete, e 0.81, log-rank P=0.0077, per i pazienti con diabete di tipo 2; P interazione=0.82 ) e nell'intervallo continuo di HbA1c ( P interazione=0.85 ).

Gli eventi avversi gravi correlati al volume o renali o gli eventi avversi che hanno portato all'interruzione del farmaco in studio, l'ipoglicemia e le amputazioni non sono stati influenzati in modo differenziale dal trattamento in nessuna delle categorie di glicemia.

Nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione lievemente ridotta o preservata, Dapagliflozin orale ha migliorato gli esiti di insufficienza cardiaca in misura simile in tre sottogruppi di glicemia: normoglicemia, prediabete e diabete di tipo 2.
Inoltre, i benefici per l'insufficienza cardiaca di Dapagliflozin sembrano essere coerenti in un intervallo glicemico continuo. ( Xagena2022 )

Inzucchi SE et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2022; 10: 869-881

Endo2022 Cardio2022 Farma2022



Indietro