Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto di Vericiguat, uno stimolatore della guanilato ciclasi solubile, sui livelli di peptide natriuretico di pazienti con peggioramento dello scompenso cardiaco cronico e ridotta frazione di eiezione


Il peggioramento dell'insufficienza cardiaca cronica è un grave problema di salute pubblica.
E’ stata determinata la dose ottimale e la tollerabilità di Vericiguat ( Adempas ), uno stimolatore della guanilato ciclasi solubile, in pazienti con un peggioramento dello scompenso cardiaco cronico e ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ).

È stato effettuato uno studio di dose-finding di fase 2 che ha randomizzato 456 pazienti in Europa, Nord America e Asia tra il 2013 e il 2015, con follow-up conclusosi nel giugno 2015.

I pazienti erano clinicamente stabili con FEVS inferiore del 45% entro 4 settimane di un evento di peggioramento dell’insufficienza cardiaca cronica, definito come un peggioramento dei segni e sintomi di congestione e livello elevato di peptide natriuretico richiedente ospedalizzazione o diuretico per via endovenosa.

È stato somministrato placebo ( n=92 ) oppure 1 di 4 dosi target giornaliere di Vericiguat orale ( 1.25 mg, n=91; 2.5 mg, n=91; 5 mg, n=91; 10 mg, n=91 ) per 12 settimane.

L'end point primario era rappresentato dal cambiamento dal basale alla settimana 12 nel livello log-trasformato di frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ).

L'analisi primaria ha riguardato il confronto di dati aggregati di 3 gruppi con le più alte dosi di Vericiguat con il placebo.
Una analisi secondaria ha valutato una relazione dose-risposta tra Vericiguat e l'endpoint primario.

Complessivamente, 351 pazienti ( 77.0% ) hanno completato il trattamento con il farmaco in studio con livelli di NT-proBNP a 12 settimane validi e nessuna grande deviazione dal protocollo, e sono stati ammessi alla valutazione dell’endpoint primario.

Nell'analisi primaria, i cambiamenti nei livelli di NT-proBNP log-trasformato dal basale alla settimana 12 non sono stati significativamente differenti tra il gruppo con Vericiguat [ dati aggregati ] ( log-trasformato: basale, 7.969; 12 settimane, 7.567; differenza, -0.402; medie geometriche: basale, 2.890 pg/ml; 12 settimane, 1.932 pg/ml ) e placebo ( log-trasformato: basale, 8.283; 12 settimane, 8.002; differenza, -0.280; medie geometriche: basale, 3.955 pg/ml; 12 settimane, 2.988 pg/ml ) ( differenza delle medie, -0.122; rapporto delle medie geometriche, 0.885; P=0.15 ).

L'analisi secondaria esplorativa ha indicato una relazione dose-risposta per cui maggiori dosi di Vericiguat sono state associate con una maggiore riduzione del livello di NT-proBNP ( P minore di 0.02 ).

I tassi di qualsiasi evento avverso sono stati pari a 77.2% e 71.4%, rispettivamente, nel gruppo placebo e Vericiguat 10 mg.

In conclusione, tra i pazienti con peggioramento della insufficienza cardiaca cronica e ridotta frazione di eiezione del ventricolo sinistro, rispetto al placebo, Vericiguat non ha avuto un effetto statisticamente significativo sulla variazione del livello di NT-proBNP a 12 settimane, ma è risultato ben tollerato.

Sono necessari ulteriori studi clinici di Vericiguat basati sul rapporto dose-risposta per determinare il ruolo potenziale di questo farmaco nei pazienti con peggioramento della insufficienza cardiaca cronica. ( Xagena2015 )

Gheorghiade M et al, JAMA 2015; 314: 2251-2262

Cardio2015 Farma2015


Indietro