Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto di Praliciguat sul picco di consumo di ossigeno nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata: studio CAPACITY HFpEF


L'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) è spesso caratterizzata da carenza di ossido nitrico ( monossido di azoto; NO ).

Sono stati valutati l'efficacia e gli effetti avversi di Praliciguat, uno stimolatore orale della guanilato ciclasi solubile ( sGC ), nei pazienti con insufficienza cardiaca HFpEF in CAPACITY HFpEF, uno studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.
Sono stati arruolati 196 pazienti da 59 siti con insufficienza cardiaca e una frazione di eiezione di almeno il 40%, ridotta velocità di picco del consumo di ossigeno ( picco V̇O2 ) e almeno due condizioni associate a carenza di ossido nitrico ( diabete, ipertensione, obesità, o età avanzata ).

Lo studio ha randomizzato i pazienti a 1 di 3 gruppi di dosaggio di Praliciguat o a un gruppo placebo, ma è stato rifocalizzato in anticipo per un confronto tra la dose di Praliciguat da 40 mg rispetto al placebo.
I partecipanti sono stati arruolati nel periodo 2017-2019, e sono stati randomizzati a ricevere 12 settimane di trattamento con 40 mg di Praliciguat al giorno ( n=91 ) oppure a placebo ( n=90 ).

L'endpoint primario di efficacia era la variazione rispetto al basale del picco di V̇O2 nei pazienti che avevano completato almeno 8 settimane di dosaggio assegnato.
Gli endpoint secondari includevano la variazione rispetto al basale nella distanza percorsa a piedi in 6 minuti e nell'efficienza ventilatoria ( pendenza di ventilazione / produzione di anidride carbonica ).
L'endpoint primario degli eventi avversi era l'incidenza degli eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ).

Tra i 181 pazienti ( età media 70 anni; 75 donne, 41% ), 155 ( 86% ) hanno completato lo studio.

Nei gruppi placebo ( n=78 ) e Praliciguat ( n=65 ), le variazioni del picco di V̇O2 sono state, rispettivamente, pari a 0.04 ml/kg/min e -0.26 ml/kg/min; la differenza dei minimi quadrati aggiustata con placebo tra i gruppi nella variazione media rispetto al basale è stata di −0.30 ml/kg/min; P=0.37 ).

Nessuno dei tre endpoint secondari prespecificati è risultato statisticamente significativo.
Nei gruppi placebo e Praliciguat, le variazioni della distanza percorsa a piedi in 6 minuti sono state rispettivamente di 58.1 metri e 41.4 metri; la differenza dei minimi quadrati aggiustata per il placebo tra i gruppi nella variazione media rispetto al basale è stata di –16.7 metri.

Nei gruppi placebo e Praliciguat, la differenza dei minimi quadrati aggiustata con placebo tra i gruppi nella variazione media della pendenza di ventilazione / produzione di anidride carbonica è stata di −0.3.


Ci sono stati più eventi avversi emergenti dal trattamento come vertigini ( 9.9% vs 1.1% ), ipotensione ( 8.8% vs 0% ) e cefalea ( 11% vs 6.7% ) con Praliciguat rispetto al placebo.
La frequenza di eventi avversi emergenti dal trattamento gravi era simile tra i gruppi ( 10% nel gruppo Praliciguat e 11% nel gruppo placebo ).

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca HFpEF, lo stimolatore della guanilato ciclasi solubile Praliciguat, rispetto al placebo, non ha migliorato in modo significativo il picco V̇O2 dal basale alla settimana 12.
Questi risultati non supportano l'uso di Praliciguat nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata. ( Xagena2020 )

Udelson JE et al, JAMA 2020; 324: 1522-1531

Cardio2020 Farma2020


Indietro