52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto di Dapagliflozin sull'insufficienza cardiaca e sulla mortalità nel diabete mellito di tipo 2


Nello studio DECLARE-TIMI 58 ( Dapagliflozin Effect on Cardiovascular Events-Thrombolysis in Myocardial Infarction 58 ), l'inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ), Dapagliflozin ( Farxiga ) ha ridotto l'endpoint composito di morte cardiovascolare / ricovero ospedaliero per insufficienza cardiaca in un'ampia popolazione di pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Tuttavia, l'impatto della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) al basale sul beneficio clinico dell'inibizione di SGLT2 non è noto.

Nello studio DECLARE-TIMI 58, lo stato di insufficienza cardiaca al basale è stato registrato da tutti i pazienti e la frazione di eiezione è stata raccolta quando disponibile.
Lo scompenso cardiaco con ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ) è stato definito come frazione di eiezione inferiore al 45%.

Gli esiti di interesse erano il composito di morte cardiovascolare / l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, i suoi componenti e la mortalità per tutte le cause.

Dei 17.160 pazienti, 671 ( 3.9% ) presentavano insufficienza HFrEF, 1.316 ( 7.7% ) soffrivano di scompenso cardiaco senza ridotta frazione di eiezione e 15.173 ( 88.4% ) non avevano storia di insufficienza cardiaca al basale.

Dapagliflozin ha ridotto la morte cardiovascolare / l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca più nei pazienti con HFrEF ( hazard ratio, HR 0.62 ) rispetto a quelli senza HFrEF ( HR, 0.88; P per interazione=0.046 ), in cui l'effetto terapeutico di Dapagliflozin è stato simile in quelli con scompenso cardiaco senza frazione di eiezione ridotta ( HR, 0.88 ) e quelli senza scompenso ( HR, 0.88 ).

Sebbne Dapagliflozin abbia ridotto l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca sia nei pazienti con ( HR, 0.64 ) sia in quelli senza HFrEF ( HR, 0.76 ), ha ridotto la morte cardiovascolare solo nei pazienti con HFrEF ( HR, 0.55 ) ma non in quelli senza HFrEF ( HR, 1.08; P per interazione=0.012 ).

Allo stesso modo, Dapagliflozin ha ridotto la mortalità per tutte le cause nei pazienti con HFrEF ( HR, 0.59 ) ma non in quelli senza HFrEF ( HR, 0.97; P per interazione=0.016 ).

Nel primo studio sugli esiti cardiovascolari con inibitore SGLT2 per valutare i pazienti con diabete mellito di tipo 2 stratificando in base a frazione di eiezione, si è scoperto che Dapagliflozin ha ridotto l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca nei pazienti con e senza HFrEF e ha ridotto la morte cardiovascolare e la mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione. ( Xagena2019 )

Kato ET et al, Circulation 2019; 139: 2528-2536

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro