52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto dello Spironolattone sulla funzione diastolica e sulla capacità di esercizio nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


L’insufficienza cardiaca diastolica ( cioè, l’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ) è una condizione comune, e la stimolazione di aldosterone può contribuire alla sua progressione.

È stata valutata l'efficacia e la sicurezza del blocco del recettore dell'aldosterone a lungo termine in caso di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata.

L'obiettivo primario è stato quello di determinare se lo Spironolattone fosse superiore al placebo nel migliorare la funzione diastolica e la capacità di esercizio massima in pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata.

Lo studio Aldo-DHF, uno studio multicentrico, prospettico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto nel periodo 2007-2012 in 10 Centri in Germania e in Austria, ha incluso 422 pazienti ambulatoriali ( età media, 67 anni, 52% donne ) con insufficienza cardiaca cronica di classe NEYA II o III, frazione di eiezione ventricolare sinistra preservata per il 50% o superiore, ed evidenze di disfunzione diastolica.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 25 mg di Spironolattone una volta al giorno ( n=213 ) oppure placebo ( n=209 ) con 12 mesi di follow-up.

Gli endpoint primari erano i cambiamenti nella funzione diastolica ( E/e' ) sull’ecocardiografia e la capacità di esercizio massima ( VO2 picco ) nel test da sforzo cardiopolmonare, entrambi misurati a 12 mesi.

La funzione diastolica ( E/e' ) è diminuita da 12.7 a 12.1 con Spironolattone ed è aumentata da 12.8 a 13.6 con il placebo ( differenza media aggiustata, -1.5; P minore di 0.001 ).

VO2 picco non è cambiato significativamente con Spironolattone versus placebo ( da 16.3 ml/min/kg a 16.8 ml/min/kg e da 16.4 ml/min/kg a 16.9 ml/min/kg, rispettivamente; differenza media aggiustata, 0.1 ml/min/kg; P=0.81 ).

Lo Spironolattone ha indotto il rimodellamento inverso ( l’indice di massa ventricolare sinistra è diminuito; differenza, -6 g/m2; P=0.009 ) e ha migliorato l’attivazione neuroendocrina ( rapporto di media geometrica della porzione N-terminale di pro-BNP 0.86; P=0.03 ), ma non ha migliorato i sintomi di insufficienza cardiaca o la qualità di vita e ha ridotto leggermente la distanza a piedi in 6 minuti ( -15 m; P=0.03 ).

Lo Spironolattone ha anche aumentato in modo modesto i livelli sierici di potassio ( 0.2 mmol/L; P minore di 0.001 ) e ha diminuito il tasso stimato di filtrazione glomerulare ( -5 mL/min/1.73 m2, P minore di 0.001 ) senza influenzare le ospedalizzazioni.

In questo studio randomizzato e controllato, il blocco del recettore dell'aldosterone a lungo termine ha migliorato la funzione diastolica ventricolare sinistra, ma non ha influenzato la capacità massima di esercizio, i sintomi del paziente, o la qualità di vita nei pazienti con scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata.
Sono necessarie ulteriori indagini in grandi popolazioni per capire se una migliore funzione ventricolare sinistra osservata nello studio Aldo-DHF abbia significato clinico. ( Xagena2013 )

Edelmann F et al, JAMA 2013; 309: 8: 781-791

Cardio2013 Farma2013


Indietro