52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetto del trattamento con Testosterone a lunga durata d’azione nei pazienti anziani con insufficienza cardiaca cronica


I Ricercatori dell’Istituto San Raffaele Pisana di Roma, hanno condotto uno studio per valutare l’effetto di una somministrazione di 12 settimane di Testosterone a lunga durata d’azione sulla capacità di esercizio massima, sull’efficienza ventilatoria, sulla forza muscolare, sull’insulino-resistenza e sulla sensibilità del baroriflesso in pazienti anziani con insufficienza cardiaca cronica.

In totale, 70 pazienti anziani con insufficienza cardiaca stabile ( età mediana 70 anni, frazione di eiezione 31.8% ) sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere Testosterone ( n=35, iniezione intramuscolare ogni 6 settimane ) oppure placebo ( n=35 ), entrambi sotto terapia medica ottimale.

Al basale e alla fine dello studio, tutti i pazienti sono stati sottoposti a ecocardiogramma, test da sforzo cardiopolmonare, test di cammino dei 6 minuti, contrazione volontaria massima dei quadricipiti e valutazione di forza isocinetica e della sensibilità del baroriflesso.

Al basale, il consumo di ossigeno al picco ( VO2 ) e la forza isometrica dei quadricipiti hanno mostrato una relazione diretta con la concentrazione sierica di testosterone.

Il consumo di ossigeno al picco è migliorato significativamente nel gruppo testosterone, ma è rimasto immutato nel gruppo placebo.

La sensibilità all’insulina è risultata significativamente migliorata nel gruppo testosterone.

La contrazione volontaria massimale e la forza isocinetica sono aumentate significativamente con il testosterone, ma non con il placebo.

La sensibilità del baroriflesso è migliorata significativamente nel gruppo testosterone, ma non in quello placebo.

Un aumento dei livelli di testosterone è risultato significativamente correlato a un miglioramento del picco di consumo di ossigeno e della contrazione volontaria massimale.

Non sono stati osservati cambiamenti significativi nella funzione ventricolare sinistra nei 2 gruppi.

In conclusione, questi risultati hanno indicato che la terapia con Testosterone a lunga azione migliora la capacità di esercizio, la forza muscolare, il metabolismo del glucosio e la sensibilità del baroriflesso in uomini con insufficienza cardiaca cronica moderatamente grave.
I benefici del Testosterone sembrano essere mediati da effetti metabolici e periferici. ( Xagena2009 )

Caminiti G et al, J Am Coll Cardiol 2009; 54: 919-927


Cardio2009 Farma2009


Indietro