Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Effetti di Empagliflozin su sintomi, limitazioni fisiche e qualità di vita nei pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta: studio EMPULSE


I pazienti ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca acuta presentano uno stato di salute precario, incluso un elevato carico di sintomi e limitazioni fisiche e una scarsa qualità di vita.

Gli inibitori di SGLT2 ( cotrasportatore di sodio-glucosio 2 ) migliorano lo stato di salute nell'insufficienza cardiaca cronica, ma il loro effetto su questi esiti nell'insufficienza cardiaca acuta non è ben caratterizzato.

Sono stati studiati gli effetti dell'inibitore SGLT2 Empagliflozin ( Jardiance ) su sintomi, limitazioni fisiche e qualità di vita, utilizzando il questionario KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ) nello studio EMPULSE ( Empagliflozin in Patients Hospitalized With Acute Heart Failure Who Have Been Stabilized ).

I pazienti ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca acuta sono stati randomizzati a Empagliflozin 10 mg al giorno oppure placebo per 90 giorni.
Il questionario KCCQ è stato applicato al momento della randomizzazione e a 15, 30 e 90 giorni.

Sono stati esaminati gli effetti di Empagliflozin sull'endpoint primario di beneficio clinico ( composito gerarchico di morte per tutte le cause, eventi di insufficienza cardiaca e differenza di 5 punti o maggiore nel cambiamento del punteggio KCCQ totale dei sintomi, TSS, dal basale a 90 giorni ) post hoc attraverso i terzili di KCCQ-TSS basale.

In analisi predefinite, i cambiamenti ( randomizzazione al giorno 90 ) nei domini KCCQ, includendo TSS, limitazioni fisiche, qualità di vita, riassunto clinico e punteggi riassuntivi complessivi sono stati valutati utilizzando un modello a misure ripetute.

In totale, sono stati randomizzati 530 pazienti ( 265 per braccio ). Il KCCQ-TSS di base era complessivamente basso ( media 40.8 punti ).

I pazienti trattati con Empagliflozin hanno presentato un maggiore beneficio clinico nell'intervallo di KCCQ-TSS, senza eterogeneità degli effetti del trattamento ( win ratio dal terzile più basso a quello più alto: 1.49, 1.37 e 1.48, rispettivamente; P per interazione=0.94 ).

Gli effetti benefici di Empagliflozin sullo stato di salute sono stati osservati già a 15 giorni e sono persistiti per 90 giorni; a quel punto i pazienti trattati con Empagliflozin hanno avuto un maggiore miglioramento di KCCQ TSS, limitazioni fisiche, qualità di vita, riassunto clinico e riassunto generale ( differenze medie aggiustate per il placebo 4.45 punti, P=0.03; 4.80, P=0.05; 4.66, P=0.04; 4.85, P=0.02; e 4.40, P=0.03, rispettivamente ).

L'inizio della somministrazione di Empagliflozin nei pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta ha prodotto benefici clinici indipendentemente dal grado di compromissione sintomatica al basale e miglioramento dei sintomi, delle limitazioni fisiche e della qualità di vita, con benefici osservati già a 15 giorni e mantenuti per 90 giorni. ( Xagena2022 )

Kosiborod MN et al, Circulation 2022; 146: 279-288

Cardio2022 Endo2022 Farma2022



Indietro