Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Declino iniziale della velocità di filtrazione glomerulare stimata dopo l'inizio di Dapagliflozin in pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta: approfondimenti dallo studio DAPA-HF


In un'analisi post hoc, la frequenza di insorgenza di un declino precoce della velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) dopo l'inizio di Dapagliflozin ( Forxiga ) e la sua associazione con gli esiti sono stati valutati nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione, randomizzati nello studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse Outcomes in Heart Failure ).

I pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta con o senza diabete di tipo 2 e un eGFR maggiore o uguale a 30 ml x min-1 x 1.73 m-2 sono stati randomizzati a placebo o Dapagliflozin 10 mg al giorno.

L'esito primario era il composito di peggioramento dell'insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare.

Sono stati studiati l'entità del calo di eGFR tra il basale e 2 settimane, le caratteristiche del paziente associate a un calo superiore del 10% e gli esiti cardiovascolari e il declino di eGFR nei partecipanti che hanno subito questo calo.
Gli esiti di tempo all'evento sono stati valutati mediante regressione di Cox a partire da 14 giorni; le pendenze di eGFR sono state valutate con modelli a effetti misti a misure ripetute.

La variazione media di eGFR tra il giorno 0 e il giorno 14 è stata di -1.1 ml x min-1 x 1.73 m-2 con il placebo e di -4.2 ml x min-1 x 1.73 m-2 con Dapagliflozin, fornendo una differenza tra i trattamenti di 3.1 ml x min-1 x 1.73 m-2.

Le percentuali di pazienti randomizzati a Dapagliflozin che hanno manifestato un calo di eGFR superiore al 10%, superiore al 20% e superiore al 30% sono state rispettivamente del 38.2%, 12.6% e 3.4%; per il placebo, sono state rispettivamente del 21.0%, 6.4% e 1.3%.
L'odds ratio ( OR ) per un calo precoce superiore al 10% di eGFR con Dapagliflozin rispetto al placebo è stato pari a 2.36 ( P minore di 0.001 ).

Le caratteristiche di base associate a un calo superiore al 10% di eGFR con Dapagliflozin erano età avanzata, eGFR più basso, frazione di eiezione più elevata e diabete mellito di tipo 2.

L'hazard ratio per l'esito primario nei pazienti nel gruppo placebo che presentavano un calo superiore al 10% di eGFR rispetto a un calo del 10% o minore di eGFR è stato 1.45.

L'hazard ratio corrispondente nel gruppo Dapagliflozin è stato pari a 0.73 ( P interazione minore di 0.001 ).
Un calo iniziale superiore al 10% dell'eGFR non è stato associato a un maggiore declino a lungo termine di eGFR o a più eventi avversi.

Il calo medio della velocità di filtrazione glonerulare stimata dopo l'inizio di Dapagliflozin è stato ridotto e associato a risultati clinici migliori rispetto a un calo simile con il placebo nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta.
Con Dapagliflozin non sono stati riscontrati forti cali di eGFR. ( Xagena2022 )

Adamson C et al, Circulation 2022; 146: 438-449

Cardio2022 Endo2022 Nefro2022 Farma2022



Indietro