52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Dapagliflozin ha ridotto l'incidenza di peggioramento dell'insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare in una sottoanalisi dello studio DAPA-HF


Nuovi dati da una sottoanalisi dello studio di fase III DAPA-HF ( Dapagliflozin And Prevention of Adverse-outcomes in Heart Failure ) hanno dimostrato che Dapagliflozin ( Farxiga ) ha ridotto l'incidenza dell'endpoint composito primario di peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( HF ) o decesso cardiovascolare ( CV ) rispetto al placebo, nei pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ), indipendentemente dalla terapia di base ( ovvero altri farmaci per l'insufficienza cardiaca ).

Dapagliflozin è stato valutato nei pazienti che stavano ricevendo una vasta gamma di trattamenti farmacologici, terapie a base di dispositivi e terapia di resincronizzazione cardiaca per lo scompenso HFrEF.
Una riduzione consistente dell'endpoint primario è stata osservata in tutti questi sottogruppi di trattamento.

I risultati sono stati presentati nel corso della 69a Sessione scientifica annuale dell'American College of Cardiology - World Congress of Cardiology ( ACC.20/WCC ) e sono stati pubblicati sull'European Heart Journal.

Dapagliflozin è indicato come monoterapia e come parte delle terapie combinate per migliorare il controllo glicemico negli adulti con diabete di tipo 2 ( T2D ).
Negli Stati Uniti è anche approvato per ridurre il rischio di ricovero per insufficienza cardiaca in pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattie cardiovascolari o molteplici fattori di rischio cardiovascolare.

DAPA-HF è uno studio internazionale, multicentrico, a gruppi paralleli, randomizzato, in doppio cieco in pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ( FEVS inferiore o uguale al 40% ), con e senza diabete mellito di tipo 2, progettato per valutare l'effetto di Dapagliflozin 10 mg, rispetto al placebo, somministrato una volta al giorno in aggiunta allo standard di cura.
L'endpoint composito primario era il tempo alla prima occorrenza di un evento di peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( ricovero in ospedale o evento equivalente; cioè una visita urgente per insufficienza cardiaca ) o morte cardiovascolare.

Dapagliflozin è un inibitore orale SGLT2 di prima classe, una volta al giorno, indicato negli adulti per il trattamento del diabete di tipo 2 insufficientemente controllato sia in monoterapia sia come parte della terapia di associazione in aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per migliorare il controllo glicemico, con ulteriori benefici di perdita di peso e riduzione della pressione arteriosa.
Nello studio sugli esiti dello studio DECLARE CV negli adulti con diabete mellito di tipo 2, Dapagliflozin ha ridotto il rischio dell'endpoint composito di ricovero per insufficienza cardiaca o di morte cardiovascolare rispetto al placebo, quando entrambi sono stati aggiunti allo standard di cura. ( Xagena2020 )

Fonte: AstraZeneca, 2020

Cardio2020 Endo2020 Farma2020


Indietro