Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Benefici cardiaci e renali di Empagliflozin nell'insufficienza cardiaca attraverso lo spettro della funzione renale: approfondimenti dallo studio EMPEROR-Reduced


Nello studio EMPEROR-Reduced ( Empagliflozin Outcome Trial in Patients With Chronic Heart Failure With Reduced Ejection Fraction ), Empagliflozin ( Jardiance ) ha ridotto i ricoveri per morte cardiovascolare o per insufficienza cardiaca ( HF ) e il totale dei ricoveri per scompenso cardiaco e ha rallentato il progressivo declino della funzione renale nei pazienti con scompenso cardiaco e frazione di eiezione ridotta, con e senza diabete.

È stato studiato l'effetto di Empagliflozin sugli esiti cardiovascolari e renali attraverso lo spettro della funzionalità renale.

In una analisi prespecificata, i pazienti sono stati classificati in base alla presenza o assenza di malattia renale cronica ( CKD ) al basale ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] minore di 60 ml/min/1.73 m2 o rapporto albumina-creatina superiore a 300 mg/g ).

Gli esiti primari e secondari chiave erano un composito di morte cardiovascolare o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( esito primario ), ricoveri totali per scompenso cardiaco, e pendenza della velocità eGFR.

L'impatto diretto sugli eventi renali è stato studiato mediante un esito renale composito prespecificato ( definito come un calo profondo e sostenuto di eGFR, dialisi cronica o trapianto ).

Il follow-up mediano è stato di 16 mesi.

Dei 3730 pazienti randomizzati a Empagliflozin oppure a placebo, 1.978 ( 53% ) avevano malattia renale cronica.
Empagliflozin ha ridotto l'esito primario e le ospedalizzazioni totali per scompenso cardiaco nei pazienti con e senza nefropatia cronica: hazard ratio ( HR )=0.78 e HR=0.72, rispettivamente ( P per interazione=0.63 ).

Empagliflozin ha rallentato la pendenza del declino della velocità eGFR di 1.11 ml/min/1.73 m2/anno nei pazienti con malattia renale cronica e di 2.41 ml/min/1.73 m2/anno nei pazienti senza malattia CKD.
Il rischio di esito renale composito si è ridotto in modo simile nei pazienti con e senza malattia CKD: HR=0.53 e HR=0.46, rispettivamente.

L'effetto di Empagliflozin sull'esito composito primario e sugli esiti secondari chiave è stato costante in un'ampia gamma di funzionalità renale al basale, misurata da sottogruppi di velocità eGFR clinicamente rilevanti o dall'albuminuria, inclusi pazienti con velocità eGFR fino a 20 ml/min/1.73 m2.

Empagliflozin è risultato ben tollerato nei pazienti con malattia renale cronica.

In EMPEROR-Reduced, Empagliflozin ha mostrato un effetto benefico sui principali risultati di efficacia e ha rallentato il tasso di declino della funzionalità renale nei pazienti con e senza nefropatia cronica e indipendentemente dalla gravità della compromissione renale al basale. ( Xagena2021 )

Zannad F et al, Circulation 2021; 143: 310-321

Cardio2021 Nefro2021 Endo2021 Farma2021


Indietro