52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Associazione tra uso di antagonisti del sistema renina-angiotensina e mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione conservata


L'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata può essere tanto comune e letale quanto l'insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta.

Tre studi randomizzati di ACE-inibitori o bloccanti del recettore della angiotensina ( sartani ) ( ad esempio, gli antagonisti del sistema renina-angiotensina [ RAS ] ) non hanno raggiunto gli endpoint primari, ma possono aver avuto bias di selezione o sono stati sottodimensionati.

È stata verificata l'ipotesi che l'uso di antagonisti del sistema renina-angiotensina sia associato a una ridotta mortalità per tutte le cause in una popolazione non selezionata con scompenso cardiaco e ridotta frazione d’eiezione.

È stato elaborato uno studio prospettico utilizzando lo Swedish Heart Faillure Registry di 41.791 pazienti tra il 2000 e il 2011.

Di questi, 16.216 pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione d’eiezione ( FE maggiore o uguale al 40%; età media, 75 anni, 46% donne ) sono stati trattati ( n=12.543 ) o non-trattati ( n=3.673 ) con antagonisti del sistema renina-angiotensina.

L'associazione tra impiego di antagonisti del sistema renina-angiotensina e la mortalità per tutte le cause è stata valutata in una coorte abbinata in un rapporto 1:1 in base all'età e ai propensity score, e nella coorte generale con aggiustamento per i propensity score come covariata continua.

Per valutare la coerenza, sono state eseguite analisi separate con abbinamento per età e propensity score in base alla dose dell'antagonista del sistema renina-angiotensina nei pazienti con frazione di eiezione preservata e in 20.111 pazienti con frazione di eiezione ridotta ( FE minore del 40%) nello stesso registro.

La principale misura di esito era la mortalità per tutte le cause.

Nella coorte abbinata con frazione di eiezione preservata, la sopravvivenza a 1 anno è stata del 77% nei pazienti trattati versus 72% per i pazienti non-trattati, con un hazard ratio ( HR ) di 0.91 ( P=0.008 ).

Nella coorte generale con frazione di eiezione preservata, la sopravvivenza a 1 anno è stata dell’ 86% nei pazienti trattati versus 69% nei pazienti non-trattati, con un hazard ratio aggiustato per il propensity score di 0.90 ( P=0.001 ).

Nell'analisi della dose nel gruppo con frazione di eiezione preservata, l’hazard ratio era 0.85 per il 50% o più della dose target rispetto a nessun trattamento ( P minore di 0.001 ) e 0.94 per meno del 50% della dose target versus nessun trattamento ( P=0.14 ).

Nell'analisi aggiustata per età e propensity score nel gruppo con frazione di eiezione ridotta, l’hazard ratio era 0.80 ( P minore di 0.001 ).

In conclusione, tra i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione conservata, l'uso di antagonisti del sistema renina-angiotensina è risultato associato a una minore mortalità per qualsiasi causa. ( Xagena2012 )

Lund LH et al, JAMA 2012; 308: 2108-2117

Cardio2012 Farma2012


Indietro