Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra frazione di eiezione ventricolare sinistra e sintomi con mortalità dopo chirurgia elettiva non-cardiaca tra i pazienti con insufficienza cardiaca


L'insufficienza cardiaca è un fattore di rischio stabilito per la mortalità postoperatoria, ma il modo in cui la frazione di eiezione ventricolare sinistra e i sintomi di insufficienza cardiaca influenzano gli esiti chirurgici non è stato del tutto descritto.

È stato determinato il rischio di mortalità postoperatoria tra i pazienti con insufficienza cardiaca a vari livelli di ecocardiografia ( disfunzione sistolica ventricolare sinistra ) e gravità clinica ( sintomi ) rispetto a quelli senza insufficienza cardiaca ed è stato valutato in che modo il rischio vari attraverso i livelli di complessità chirurgica.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo negli Stati Uniti di tutti i pazienti adulti sottoposti a chirurgia elettiva e non-cardiaca nel database VASQIP ( Veterans Affairs Surgical Quality Improvement Project ) dal 2009 al 2016.
In totale 609.735 cartelle cliniche sono state identificate e analizzate con 1 anno di follow-up dopo intervento chirurgico.

Sono state rilevate insufficienza cardiaca, frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) e presenza di segni o sintomi di insufficienza cardiaca entro 30 giorni dall'intervento.

L'esito primario era la mortalità postoperatoria a 90 giorni.

Sono stati analizzati i dati di esito da 47.997 pazienti con insufficienza cardiaca ( 7.9%, età media 68.6 anni, 1.391 donne, 2.9% ) e 561.738 pazienti senza insufficienza cardiaca ( 92.1%, età media 59.4 anni, 50.862 donne, 9.1% ).

Rispetto ai pazienti senza scompenso cardiaco, quelli con insufficienza cardiaca presentavano un rischio maggiore di mortalità postoperatoria a 90 giorni ( 2.635 vs 6.881 decessi a 90 giorni, rischio di mortalità grezzo, 5.49% vs 1.22%, differenza assoluta di rischio aggiustata, 1.03%; odds ratio aggiustato, aOR, 1.67 ).

Rispetto ai pazienti senza insufficienza cardiaca, i pazienti sintomatici con insufficienza cardiaca ( n=5.906 ) presentavano un rischio più elevato ( 597 morti, 10.11%, RD assoluto aggiustato, 2.37%, OR aggiustato, 2.37 ).

Anche i pazienti asintomatici con insufficienza cardiaca ( n=42.091 ) ( 2.038 decessi, rischio grezzo, 4.84%; RD assoluto aggiustato, 0.74%; OR aggiustato, 1.53 ), compreso il sottogruppo con funzione sistolica ventricolare sinistra conservata ( 1.144 morti, 4.42%; RD assoluto aggiustato, 0.66%; OR aggiustato, 1.46 ) hanno avuto un elevato rischio.

Tra i pazienti sottoposti a chirurgia elettiva non-cardiaca, l'insufficienza cardiaca con o senza sintomi è risultata significativamente associata alla mortalità postoperatoria a 90 giorni.
Questi dati possono essere utili nelle discussioni preoperatorie con pazienti con insufficienza cardiaca sottoposti a chirurgia non-cardiaca. ( Xagena2019 )

Lerman BJ et al, JAMA 2019; 321: 572-579

Cardio2019 Chiru2019



Indietro