Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Associazione tra cambiamento di NT-proBNP dopo l'inizio del trattamento con Sacubitril - Valsartan, e la struttura e la funzione cardiaca nei pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione


Nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ), il trattamento con la combinazione Sacubitril e Valsartan ( Entresto ) riduce le concentrazioni di frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ).
L'effetto di Sacubitril e Valsartan sul rimodellamento cardiaco non è ben definito.

Si è determinato se le variazioni di NT-proBNP nei pazienti con scompenso HFrEF trattati con Sacubitril - Valsartan siano correlate alle variazioni delle misure del volume e della funzione cardiaca.

È stato condotto uno studio prospettico di 12 mesi, a gruppo singolo, in aperto, su pazienti con scompenso HFrEF arruolati in 78 Centri ambulatoriali negli Stati Uniti.
È stato avviato il trattamento con Sacubitril-Valsartan e la dose è stata aggiustata.
L'arruolamento è iniziato nel 2016 e il follow-up è stato completato nel 2018.

L'esito primario era la correlazione tra i cambiamenti nelle concentrazioni di log2–NT-proBNP e la frazione di eiezione del ventricolo sinistro ( FEVS ), indice di volume telediastolico ventricolare sinistro ( LVEDVI ), indice di volume telesistolico del ventricolo sinistro ( LVESVI ), indice di volume atriale sinistro ( LAVI ) e rapporto tra velocità del flusso transmitralico precoce al Doppler / velocità anulare diastolica precoce ( E/e′ ) a 12 mesi.

Tra i 794 pazienti ( età media, 65.1 anni; 226 donne, 28.5%; FEVS media=28.2% ), 654 ( 82.4% ) hanno completato lo studio.
La concentrazione mediana di NT-proBNP al basale era di 816 pg/ml e 455 pg/ml a 12 mesi ( differenza, P minore di 0.001 ).

A 12 mesi, la variazione della concentrazione log2-NT-proBNP è risultata correlata alle variazioni di FEVS ( r=−0.381; P minore di 0.001 ), indice LVEDVI ( r=0.320; P minore di 0.001 ), indice LVESVI ( r=0.405; P minore di 0.001 ), indice LAVI ( r=0.263; P minore di 0.001 ) e E/e’ ( r=0.269; P minore di 0.001 ).

A 12 mesi, la frazione di eiezione del ventricolo sinistro è aumentata dal 28.2% al 37.8% ( differenza, 9.4%; P minore di 0.001 ), mentre l'indice LVEDVI è diminuito da 86.93 a 74.15 ml/m2 ( differenza, -12.25 ml/m2; P minore di 0.001 ) e l'indice LVESVI è diminuito da 61.68 a 45.46 ml/m2 ( differenza, -15.29 ml/m2; P minore di 0.001 ).
Anche l'indice LAVI e il rapporto E/e' sono diminuiti in modo significativo.

Gli eventi avversi più frequenti sono stati ipotensione ( 17.6% ), vertigini ( 16.8% ), iperkaliemia ( 13.2% ) e peggioramento della funzionalità renale ( 12.3% ).

In questo studio esplorativo di pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione trattati con la combinazione di Sacubitril e Valsartan, la riduzione della concentrazione di NT-proBNP è risultata debolmente ma significativamente correlata con miglioramenti dei marcatori del volume e della funzione cardiaca a 12 mesi.
Il rimodellamento cardiaco inverso osservato può fornire una spiegazione meccanicistica per gli effetti di Sacubitril e Valsartan nei pazienti con scompenso HFrEF. ( Xagena2019 )

Januzzi JL et al, JAMA 2019; 322: 1085-1095

Cardio2019 Farma2019


Indietro