Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione dei biomarcatori cardiovascolari con insufficienza cardiaca incidente con frazione di eiezione conservata e ridotta


Quasi la metà di tutti i pazienti con insufficienza cardiaca ha frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) in contrapposizione alla frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ), tuttavia le associazioni dei biomarcatori con il futuro sottotipo di insufficienza cardiaca non sono state completamente comprese.

Sono state valutate le associazioni di 12 biomarcatori cardiovascolari con HFpEF ( conservata ) incidente versus HFrEF ( ridotta ) tra gli adulti della popolazione generale.
Lo studio ha incluso 4 coorti: Cardiovascular Health Study ( 1989-1990; 1992-1993 per la coorte afroamericana supplementare ), Framingham Heart Study ( 1995-1998 ), Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ( 2000-2002 ), e Prevention of Renal and Vascular End-stage Disease study ( 1997-1998 ).

Ciascuna coorte aveva accertamenti prospettici su HFpEF e HFrEF incidenti. Sono stati esaminati i seguenti biomarcatori: frammento N-terminale del propeptide natriuretico di tipo B ( NT-proBNP ) o peptide natriuretico cerebrale ( BNP ), troponina ad alta sensibilità T ( hs-cTnT ) o I ( hs-cTnI ), proteina C-reattiva ( CRP ), rapporto albumina / creatinina urinaria ( UACR ), rapporto renina / aldosterone, D-dimero, fibrinogeno, soppressore solubile della tumorigenicità ( ST2 ), galectina-3, cistatina C, inibitore dell'attivatore del plasminogeno 1 ( PAI-1 ) e interleuchina 6 ( IL-6 ).

Tra i 22.756 partecipanti a queste 4 coorti ( 12.087 donne e 10.669 uomini, età media 60 anni ) nello studio, durante un follow-up mediano di 12 anni, 633 partecipanti hanno sviluppato HFpEF ( conservato ) incidente e 841 hanno sviluppato HFrEF ( ridotto ).
In modelli corretti per i fattori di rischio clinici di insufficienza cardiaca, 2 biomarcatori sono stati significativamente associati con HFpEF ( conservato ) incidente: UACR ( hazard ratio, HR=1.33; P minore di 0.001 ) e peptidi natriuretici ( HR=1.27; P minore di 0.001 ), con associazioni suggestive per troponina ad alta sensibilità ( HR=1.11; P=0.008 ), inibitore dell'attivatore del plasminogeno 1 ( HR=1.22; P=0.02 ) e fibrinogeno ( HR=1.12; P=0.01 ).

Per contro, 6 biomarcatori sono stati associati a HFrEF ( ridotta ) incidente: peptidi natriuretici ( HR=1.54; P minore di 0.001 ), UACR ( HR=1.21; P minore di 0.001 ), troponina ad alta sensibilità ( HR=1.37; P minore di 0.001 ), cistatina C ( HR=1.19; P minore di 0.001 ), D-dimero ( HR=1.22; P minore di 0.001 ) e CRP ( HR=1.19; P minore di 0.001 ).
Se confrontati direttamente, i peptidi natriuretici, la troponina ad alta sensibilità e CRP sono stati più fortemente associati a HFrEF ( ridotta ) rispetto a HFpEF ( conservata ).

In conclusione, i biomarcatori di disfunzione renale, disfunzione endoteliale e infiammazione sono stati associati con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta incidente.
Al contrario, solo i peptidi natriuretici e rapporto albumina / creatinina urinaria sono stati associati a insufficienza cardiaca.
Questi risultati evidenziano la necessità di futuri studi incentrati sull'identificazione di nuovi biomarcatori del rischio di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata. ( Xagena2018 )

de Boer RA et al, JAMA Cardiol 2018; 3: 215-224

Cardio2018



Indietro