ScompensoCardiaco.net

Scompenso cardiaco

Effetti della vasodilatazione nello scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata o ridotta


Uno studio ha confrontato le risposte emodinamiche alla terapia vasodilatatoria nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) contro insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ).

Non esiste una terapia provata per lo scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata.
In assenza di dati, sono spesso prescritti medicinali con beneficio accertato nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, come i vasodilatatori, per lo scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata.

È stata confrontata l’emodinamica di base e le risposte acute alla vasodilatazione con Nitroprussiato di sodio per via endovenosa in pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta ( n=174 ) e insufficienza cardiaca e frazione di eiezione conservata ( n=83 ), determinata invasivamente mediante cateterismo cardiaco.

La pressione basale, la gittata sistolica e la gittata cardiaca sono state maggiori nello scompenso cardiaco con frazione di eiezione conservata, rispetto alla insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, mentre la pressione media dell’arteria polmonare e la pressione di incuneamento capillare polmonare sono risultate simili.

Le pressioni di riempimento del ventricolo sinistro erano ridotte in misura simile in ogni gruppo con Nitroprussiato, ma il calo di pressione arteriosa sistemica è stato di 2.6 volte superiore nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( p minore di 0.0001 ) e i miglioramenti della gittata sistolica e della gittata cardiaca sono stati ciascuno circa il 60% in meno nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata rispetto alla insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta ( p minore di 0.0001 ).

Nonostante le pressioni di riempimento analogamente elevate, i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata avevano quattro volte più probabilità dei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta di sperimentare una riduzione della gittata sistolica con Nitroprussiato ( p minore di 0.0001 ), suggerendo una maggiore vulnerabilità alla riduzione del precarico.

La pressione sistolica della arteria polmonare è calata di più nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata che nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta nonostante la riduzione simile nella pressione media polmonare e nella resistenza, suggerendo superiore elastanza sistolica del ventricolo destro nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata.

In conclusione, rispetto ai pazienti con scompenso cardiaco con frazione di eiezione ridotta, i pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata hanno una maggiore riduzione della pressione del sangue, un minore aumento della gittata cardiaca e una maggiore probabilità di calo della gittata sistolica con i vasodilatatori.
Questi risultati sottolineano differenze fondamentali nei due fenotipi di insufficienza cardiaca e suggeriscono la necessità di terapie più mirate fisiopatologicamente per l’insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata. ( Xagena2012 )

Schwartzenberg S et al, J Am Coll Cardiol 2012; 59: 442-451

Cardio2012 Farma2012


Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer