CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Ematologia.net

Aumento del rischio di mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta sottoposti a servoventilazione adattiva


Un ampio studio randomizzato di trattamento ( SERVE-HF ) ha mostrato che il trattamento della apnea del sonno centrale con servoventilazione adattiva nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione ( HFREF ) aumenta la mortalità, anche se l'analisi dell'endpoint primario composito ( tempo al primo caso di morte per qualsiasi causa, intervento cardiovascolare, o ricovero ospedaliero non-pianificato per peggioramento dell'insufficienza cardiaca salvavita ) è risultata neutrale.

Una analisi secondaria dei dati di SERVE-HF ha indagato le associazioni tra servoventilazione adattiva e singoli componenti dell’endpoint primario per cercare di capire meglio i meccanismi alla base della maggiore mortalità osservata.

In SERVE-HF, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il trattamento medico ottimale solo per l’insufficienza cardiaca ( gruppo di controllo ) o in combinazione con servoventilazione adattiva.
Sono stati analizzati i singoli componenti dell'endpoint primario di SERVE-HF separatamente, con e senza tre covariate suggerite per la modifica dell’effetto ( defibrillatore cardioverter impiantabile [ ICD ] al basale, frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ] e proporzione del respiro di Cheyne-Stokes [ CSR ] ).

L'analisi univariata ha mostrato un aumento del rischio di morte per cause cardiovascolari senza precedente ricovero ospedaliero ( hazard ratio, HR=2.59, P minore di 0.001 ) e morte cardiovascolare dopo un evento salvavita ( HR=1.57, P=0.045 ) nel gruppo trattato con servoventilazione adattativa rispetto al gruppo di controllo.

L’analisi aggiustata ha mostrato che l'aumento del rischio attribuito a servoventilazione adattativa di morte cardiovascolare senza precedente ricovero ospedaliero per peggioramento dell'insufficienza cardiaca è variato con la FEVS e che il rischio attribuito alla servoventilazione adattativa di ricovero ospedaliero per peggioramento dell'insufficienza cardiaca è variato con la frazione di eiezione del ventricolo sinistro e il respiro di Cheyne-Stokes .

Nei pazienti con FEVS inferiore o uguale al 30%, l’uso di servoventilazione adattiva ha aumentato considerevolmente il rischio di morte cardiovascolare, senza precedente ricovero ospedaliero ( HR=5.21, P=0.026 ).

La servoventilazione adattiva è associata a un aumentato rischio di morte cardiovascolare nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione del ventricolo sinistro inferiore o uguale al 45%, trattati per apnea centrale del sonno predominante.
Questa analisi ha dimostrato che il rischio è aumentato per la morte cardiovascolare nei pazienti non precedentemente ricoverati in ospedale, presumibilmente a causa di morte improvvisa, e in pazienti con ridotta funzione ventricolare sinistra. ( Xagena2016 )

Eulenburg C et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 873-881

Pneumo2016 Cardio2016



Indietro